Chernobyl Day: corsi e ricorsi

image_pdfimage_print

di Monica Capo

 

Si moltiplicano in tutta Italia le manifestazioni in occasione del Chernobyl Day: ieri è stata la volta di Lecce e Borgo Sabotino che hanno organizzato due catene umane contro il nucleare mentre sabato 17 aprile si è tenuto a Salerno il Sì Referendum Day organizzato dal Popolo Viola. Sempre sabato 16 Aprile il Comitato Antinucleare del Garigliano ha presentato a Minturno il libro di Roberto Rossi “Bidone Nucleare”.

Per il  23 aprile 2011 è previsto un Corteo Antinucleare a  Trino Vercellese mentre martedì 26 aprile 2011 alle ore 21.00, Per il Bene Comune, organizza presso il Centro Culturale Dar Al Hikma, Via Fiochetto 15, Torino e nel resto d’Italia in diretta web su www.perilbenecomune.net, il Convegno “Le Bugie Nucleari”. Interverranno: Elvio Arancio e Monia Benini – PBC e Luigi Sertorio – docente di ecofisica all’università di Torino.

Il 30 aprile 2011 dalle ore 14.30 alle 16.00 nei pressi del piazzale del museo dei Pontieri di Boretto (RE) ed in Piazza della Libertà a Viadana (MN) è stata organizzata una Catena Umana contro il nucleare.  Alle ore 16.00 partenza dei cortei dalle sponde opposte per incontrarsi al centro del ponte. Seguendo le istruzioni degli organizzatori i partecipanti si distribuiranno sul ponte formando una catena umana che collegherà la sponda reggiana e la sponda mantovana. Mentre alle ore 18:00 verrà messa in atto una Simulazione Allarme Nucleare”. Un’iniziativa di Marco Montanari, Marzio Portioli, Morena Cabassi e da Italia dei Valori Reggio Emilia.

Venerdi 29 aprile 2011 RNA-Sardegna organizza un evento-assemblea a Terralba presso il Liceo -Mogoro-Ales (Oristano). Intervengono: Mariella Cao (com. Gettiamo Le Basi) – Fabienne Melmi (RNA International) – Eugenio Campus (Scrittore) – Massimo Greco (RNA Salento). Evento con proiezioni e presentazioni multimediali. Diretta web streaming.

Ancora, il  26 Aprile 2011, il Comitato  Provinciale di Napoli per il SI al Referendum contro il nucleare, per sollecitare la corretta informazione dei cittadini  sul Referendum preannuncia una  forte manifestazione davanti alla sede della RAI di Napoli. Il Comitato Referendario Aurunco invita,inoltre, a partecipare alla catena umana per ribadire il No al nucleare, che si terrà il 30 Aprile 2011 al Centro Storico di Sessa Aurunca, Comune che ospita la centrale nucleare del Garigliano.

È stata fissata poi per sabato 21 maggio 2011 la mobilitazione congiunta dei Comitati “Vota SÌ per fermare il nucleare” delle Regioni Emilia Romagna e Lombardia. Il luogo scelto è Caorso, sede della più controversa e fallimentare esperienza nuclearista italiana, tra i siti indicati dal Governo italiano per accogliere una delle prime realizzazioni delle 13 centrali nucleari previste.

Il 26 aprile 1986 scoppiava la centrale nucleare di Chernobyl in Ucraina. L’incidente, causato da un errore umano, rimase segreto per qualche giorno, fino a quando la nube radioattiva che si era sollevata non raggiunse i confini dell’Europa occidentale, e ancora oggi se ne sentono gli effetti, e il fatto che fu un errore umano ci ricorda che la tecnologia in sè  è insicura. Il disastro di Fukushima ce lo dimostra, poi, con ancora maggiore evidenza: ovunque, nel mondo, il nucleare costituisce oggi più che mai una minaccia per gli esseri umani e l’ambiente.

Per commemorare questo anniversario e ricordare anche le popolazioni i cui i territori e la cui salute continuano a essere devastati dalle miniere di uranio, in tutta Europa – e non solo- saranno organizzate molte iniziative in occasione del Chernobyl-Day (www.chernobyl-day.org): dal 02 al 26 aprile ci saranno 25 giorni di azioni, coordinati dalla rete francese “Sortir du Nucléaire”. Dopo 25 anni di menzogne dell’industria nucleare e delle autorità è nostro dovere affermare ora più che mai, ovunque nel mondo, che le energie alternative progrediscono più rapidamente del nucleare ed aspettano soltanto di essere sviluppate.

Anna Esposito

Partenopea, agnostica, grafomane appassionata di politica e di buon vino. Non correggo il caffè. Direttore editoriale di Itali@Magazine.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *