Cantine Aperte 2016: sabato 28 e domenica 29 maggio in tutta Italia

Cantine Aperte  è il più importante evento dedicato al vino che si svolge ormai dal lontano 1993 su tutto il territorio nazionale nell’ultima domenica di maggio le cantine socie del Movimento Turismo del vino aprono le proprie porte agli appassionati, agli intenditori e ai semplici curiosi. Anno dopo anno Cantine Aperte si è trasformato sempre di più in un evento capace di attrarre un numero sempre maggiore di enoturisti raggiungendo il numero record di più di un milione di visitatori durante l’edizione Cantine Aperte 2015

Visto il successo dell’edizione dell’anno scorso, l’edizione 2016 di Cantine Aperte si preannuncia ancora più ricca di sorprese ed eventi correlati. Oltre alla possibilità di assaggiare i migliori vini italiani acquistandoli direttamente in azienda partecipando a degustazioni specifiche, Cantine Aperte vi da la possibilità di entrare direttamente nell’affascinate mondo della produzione vinicola italiana scoprendo tutti i segreti della lavorazione. Ed in estate? L’appuntamento si rinnova con Calici di Stelle, dove centinaia di cantine in tutta  Italia aprono le porte per celebrare all’aria aperta, nella Notte di San Lorenzo.

SCOPRI LE CANTINE APERTE DI OGNI REGIONE!

Cantine Aperte Abruzzo
Cantine Aperte Basilicata
Cantine Aperte Calabria
Cantine Aperte Campania
Cantine Aperte Emilia-Romagna
Cantine Aperte Friuli-Venezia Giulia
Cantine Aperte Lazio
Cantine Aperte Liguria
Cantine Aperte Lombardia
Cantine Aperte Marche
Cantine Aperte Molise
Cantine Aperte Piemonte
Cantine Aperte Puglia
Cantine Aperte Sardegna
Cantine Aperte Sicilia
Cantine Aperte Toscana
Cantine Aperte Trentino Alto Adige
Cantine Aperte Umbria
Cantine Aperte Valle d’Aosta
Cantine Aperte Veneto

 

http://www.movimentoturismovino.it




Festival Trastevere: 60 notti di cinema gratis sotto le stelle di Roma

Piccolo Cinema America e Municipio Roma I sono orgogliosi di presentare la terza edizione del Festival Trastevere Rione del Cinema con il sostegno di REGIONE LAZIO e della Società Italiana degli Autori ed Editori, con il contributo di BNL Gruppo BNP Paribas, il sostegno e patrocinio di Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, il patrocinio di Camera di Commercio di Roma ed il sostegno di varie attività commerciali presenti nel Rione Trastevere, tra cui Bernabei, Conad, Gelateria Fatamorgana e Città del Sole.
Dopo il grande successo dell’anno scorso, che ha raccolto in piazza nell’arco di 60 giorni circa 36 000 cittadini, provenienti da ogni angolo della città, registrando un incredibile e costante afflusso di partecipanti, San Cosimato torna ad essere un cinema a cielo aperto. Grazie alla ristrutturazione della piazza svolta dal Municipio durante l’inverno, quest’anno si potrà disporre di uno schermo di 10 metri anziché 7 e, soprattutto, ottimizzare al meglio lo spazio: l’intera San Cosimato sarà una platea di libera fruizione con una capienza fino a 3.000 persone. Si è voluto tuttavia mantenere le 199 sedute, così che i partecipanti, dovendosi attrezzare con sedie, cuscini e tappeti, si sentano coinvolti e chiamati a partecipare in prima persona. Non c’è soltanto qualcosa di romantico in questo gesto: è un atto simbolico per stimolare l’attivazione dei cittadini, spronandoli ad intervenire positivamente sul proprio territorio piuttosto che viverlo passivamente.
Trastevere è il Rione del Cinema, un tempo rione con la più alta densità di sale cinematografiche, oggi con la più alta densità di Arene Estive: Piazza San Cosimato, l’Isola del Cinema e l’Arena Nuovo Sacher con la loro bellezza e vivacità, con i dibattiti, le rassegne e gli ospiti, fanno sperare che il cinema possa rinascere e che le sale dismesse possano esser riaperte. Il coesistere di questi spazi dimostra che se si è in grado di ripensare il rapporto con il pubblico, ognuno con la propria modalità, è possibile coinvolgere spettatori di ogni fascia d’età e ceto sociale. Trastevere è ricco di potenzialità: potrebbe diventare un circuito diffuso del cinema, se ci si muovesse nella stessa direzione. Quest’anno purtroppo ha chiuso il Cinema Alcazar, mentre il Cinema America è passato vittorioso dal Tar al Consiglio di Stato, ed è ancora in attesa di esser restituito alla città nella sua originaria destinazione d’uso. Proprio l’altro ieri l’associazione del Piccolo America si è costituita al Consiglio di Stato in difesa della tutela architettonica dell’immobile. Intanto è nato anche un piccolo germoglio, una speranza per tutti coloro i quali hanno fatto del cinema la propria vita: riaprirà la Sala Troisi.
Il 27 maggio è prevista la notifica della custodia del bene ai Ragazzi del Cinema America.

Parteciperanno: RENZO ARBORE – DARIO ARGENTO   ROBERTO BENIGNI- LUCA BIGAZZI – BARBORA BOBULOVA – ALESSANDRO BORGHI – BRUNO BOZZETTO – ASCANIO CELESTINI – ENZO D’ALÒ  IVANO DE MATTEO – VALERIO MASTANDREA – FERZAN ÖZPETEK – KIM ROSSI STUART – STEFANIA SANDRELLI – SILVIA SCOLA  -DANIELE VICARI – PAOLO VIRZÌ

1 giugno – 1 agosto  

Piazza San Cosimato, Trastevere -Roma

Una piazza, uno schermo, 60 notti di cinema gratis sotto le stelle di Roma

Per informazioni  http://www.trasteverecinema.it




Seminario sul bullismo all’Università Europea di Roma

E’ in corso oggi, sabato 21 maggio 2016, all’Università Europea di Roma, il seminario “Le emozioni in classe. Il bullismo: linee guida per comprendere e agire”, organizzato dallo stesso ateneo con l’associazione Il Sole esiste per tutti. L’incontro ha lo scopo di offrire strumenti e percorsi per la gestione della sfera emotiva di bambini e ragazzi.

Fra i vari interventi il prof. Javier Fiz Perez, docente di Psicologia all’Università Europea di Roma, ha spiegato che “il ruolo della famiglia e della scuola diventa assolutamente determinante in questo percorso, che implica un insieme di sfide e impegni di notoria complessità”.

“Gli obbiettivi da raggiungere in ogni tappa della vita, specialmente durante la cosiddetta età evolutiva – ha spiegato Perez – richiedono la presenza di genitori attenti e presenti, di educatori competenti e di gruppi di coetanei con cui condividere un sano stile di vita. In questo contesto un fenomeno così devastante come il bullismo diventa decisamente deleterio per lo sviluppo di ogni bambino e adolescente. La ricerca scientifica è molto sensibile al fatto che dopo la seconda infanzia ci sono delle priorità psico-educative come l’affermazione della propria identità e personalità, l’autostima, l’accettazione da parte del gruppo dei coetanei. In questa ottica la creazione e tutela di contesti sani di socializzazione diventa essenziale per il raggiungimento di taluni obbiettivi. 

Il fenomeno del bullismo, così presente nelle diverse fasi di socializzazione, sia per differenza di genere, età, cultura o per mera prepotenza richiede un lavoro di squadra tra professionisti competenti, educatori, genitori e scuola, soprattutto in maniera preventiva. Tanto più nei nostri tempi, con la presenza sempre più invadente del cyber-bullismo che genera tante sofferenze di natura psico-fisica ai nostri ragazzi. Capire le cause ed educare in maniera preventiva è il modo più efficace per evitare, un domani, il fenomeno del mobbing nel contesto del lavoro, della violenza di genere e della prepotenza sociale in tutte le sue manifestazioni”. 

Secondo il prof. Perez, quindi, è importante insegnare, educare e formare oggi al rispetto e alla sana convivenza, per garantire a tutti un futuro migliore e più sereno.

Fra i possibili strumenti di aiuto per la gestione del problema del bullismo e di altre situazioni di difficoltà c’è la Pet Therapy, che prevede interventi assistiti con gli animali.

La psicologa Giorgia Caucci ha spiegato: “A tutti i bambini e ragazzi piacciono gli animali, in particolare i cani. La Pet Therapy a scuola può essere di supporto sia con bambini difficili (ritardo psicomotorio e disturbi del comportamento) sia con l’intera classe, agendo sulla socializzazione, sulla relazione e sulla collaborazione. Quando un cane entra in classe le dinamiche cambiano, lasciando spazio all’armonia e alla coesione che portano nell’ambiente emozioni positive. Non solo. Il gruppo classe si unisce e prende forza. Quindi i cani si trasformano in veri e propri maestri, insegnando ai ragazzi l’importanza dell’empatia, della pazienza, e dell’ascolto.

Attraverso il gioco con il cane i ragazzi imparano ad esprimere la loro vivacità, condividendola gli uni con gli altri, ricavandone sensazioni di benessere. Quindi, giocare con il cane a scuola permette di stimolare l’interazione sociale e l’autostima. Il cane riveste un ruolo affettivo, grazie alla capacità relazionale dell’animale stesso, che permette ai ragazzi un continuo scambio emozionale.

Regolari incontri con il cane in classe possono aiutare ad arginare e a prevenire il fenomeno della dispersione scolastica, attraverso l’aumento della motivazione, del senso di responsabilità e di appartenenza dello studente alla quotidianità scolastica, anche grazie ad eventuale affiancamento mirato di soggetti a rischio durante le materie ritenute più difficili”.




King Crimson in concerto all’Auditorium Conciliazione di Roma

The Base presenta i KING CRIMSON, 11 e 12 novembre all’Auditorium Conciliazione di Roma. Il gruppo britannico, che ha fatto la storia del progressive e del rock, si esibirà nella Capitale per due delle date italiane del “The Elements of King Crimson Tour 2016”. I KING CRIMSON, nel corso della loro carriera, hanno influenzato ed ispirato molti artisti contemporanei dai diversi generi musicali, creando una sorta di culto attorno al loro nome. La formazione si è continuamente modificata e, negli oltre quarant’anni di attività del gruppo, si sono avvicendati al suo interno ben diciotto musicisti più due parolieri.

 Sul palco, insieme al Leader Rober Fripp, saliranno il sassofonista Mel Collins, Tony Levin al basso, Jakko Jakszyk alla chitarra e i tre batteristi Gavin Harrison, Jeremy Stacey e Pat Mastelotto.

 biglietti sono disponibili sul circuito Ticketone da venerdì 20 maggio. 

Info: Tel. 06-54220870 – Info diversamente abili: Tel. 06-54220870

KING CRIMSON

11 e 12 NOVEMBRE 2016

AUDITORIUM CONCILIAZIONE

Via della Conciliazione, 4 Roma

Poltronissima €70,00 + €10,50 d.p.

Poltrona          €60,00 + €9,00 d.p.

I Galleria         €60,00 + €9,00 d.p.

II Galleria        €50,00 + €7,50 d.p.

III Galleria       €35,00 + €5,25 d.p.

Balconata I       €30,00 + €4,50 d.p.

Balconata II      €30,00 + €4,50 d.p.

Apertura Porte: ore 20.00

Inizio Concerto: ore 21.00

 




Water Stress il nuovo album del duo Groove&Move

Si chiama Water Stress il nuovo album del duo Groove&Move composto da uno dei più giovani trombettisti italiani, Gabriele Mitelli e dal vibrafonista Pasquale Mirra in uscita per la Caligola Records. Riuscire a rompere gli schemi e insieme provare a rievocare, attraverso la musica, qualcosa di ancestrale e perduto nel tempo. Ascoltando le nove tracce di Water Stress, album composto da Gabriele Mitelli (tromba) e Pasquale Mirra (vibrafono), si ha l’impressione di dover combinare questi due indizi per risolvere l’affascinante enigma racchiuso in questo disco. Ed è un gioco, quello del duo Groove&Move, molto simile a quelli che si faceva da bambini, in cui le regole cambiano di volta in volta. Il suono si sviluppa e si arresta in modo imprevedibile, indomito e scentrato, seduce per la capacità di spiegarsi attraverso l’uso non convenzionale delle percussioni, facendo della giustapposizione di presenze e assenze un punto di forza.

Alle composizioni originali (Water Stress, Oscillano, Nibiru, Vale la pena e Old Man) nelle quali il duo riesce a legare l’improvvisazione pura a un’idea musicale nuova che rifugge ogni etichetta, Mitelli e Mirra propongono delle riletture di Jesus Maria di Carla Bley, passando per il Mingus di Orange Was The Color Of Her Dress, Then Blue Silk, The Owl Of Cranston di Paul Motian e Namhanje, brano tradizionale sudafricano rielaborato da Abdullah Ibrahim in un disco storico, Echoes from Africa. Scelte che vanno oltre il semplice “omaggio”, dimostrando eclettismo e inventiva.

Il vibrafono di Mirra è lo scheletro che sostiene tutta l’impalcatura musicale del disco e che, come una costellazione, indica a Mitelli, autore di intarsi di raffinata bellezza, la direzione da percorrere nelle sue geometrie variabili alla tromba. Si modificano gli spessori e le strutture ma la materia musicale si mantiene sempre viva e pulsante per tutto il disco, il cui flusso viene spesso interrotto in modo inatteso, nello stesso modo in cui un temporale estivo ti coglie all’improvviso nel bel mezzo di una passeggiata in montagna.

Eccola la soluzione dell’enigma di Water Stress che, tra le righe delle partiture, Mirra e Mitelli vogliono suggerirci. Reimparare a farsi sorprendere, a farsi cogliere impreparati per potersi stupire. Ancora.




Ausgang, il nuovo singolo di Adriano Brancato

“Un ragazzo e una ragazza, un viaggio, il confronto con la ‘diversità’ dell’altro, l’immergersi in un rapporto vero, fatto di momenti quotidiani più o meno felici”, con queste parole Adriano Brancato spiega Ausgang, la canzone con cui il cantautore romano inizia ufficialmente il suo viaggio musicale. 

Il brano è stato arrangiato, registrato e mixato presso lo studio Gli Artigiani di Daniele Sinigallia e Maurizio Loffredo (con Loffredo alla chitarra acustica e steel guitar, Sinigallia al basso, alla chitarra acustica e a quella elettrica, Nicola Russu al piano rhodes e synth, Gino Ferrara alla batteria e Pietro Paroletti come assistente di studio). Il videoclip è stato girato a L’Asino che vola da Andrea Zuliani con Simone Valentini come assistente di studio e Claudia Maria Loiacono e Andrea Bove come attori.

BIO: Nato a Roma nel 1984, fin da bambino rimane affascinato dalla musica e dalle parole che lo portano, negli anni, ad ascoltare gli artisti ed i generi più disparati: dal pop, passando per il reggae, l’hip hop, tornando verso quei cantautori che lo formano e ai quali si ispira come Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, ma anche Otto Ohm, Kings Of Convenience, Everything But The Girl e che filtrano la sua visione di suoni e parole. In attività dal 2011, continua la sua sana gavetta che lo porta nel 2013 ad autoprodursi il demo Antipasto, arrivano nel 2016 all’uscita del singolo ufficiale Ausgang.




Gavi For Arts: cibo, vino e cultura nella terra del grande bianco piemontese

Arte, vino, archeologia, economia, turismo nella terra del Grande Bianco Piemontese. Da venerdì 27 a domenica 29 maggio 2016 il programma è ricchissimo. Con Valore Forte Gavi for Arts  il Consorzio Tutela del Gavi conferma la strategia della Cultura come modello di valorizzazione del territorio, associa l’Arte contemporanea alla propria terra, premia gli esempi di “Buona Italia” redige il primo rapporto italiano  ‘Food, Wine&Arts’ e porta Gavi ritorna alla ribalta nazionale

Tre giorni da venerdì 27 maggio a domenica 29 maggio nelle colline incantate del Gavi per scoprire la “Denominazione Artistica” del Grande Bianco Piemontese. Il Consorzio Tutela del Gavi dà appuntamento a curiosi e golosi assieme alle sue prestigiose cantine vitivinicole per parlare di cibo, vino e cultura:  per tre giorni l’arte e il gusto si integrano armoniosamente a Gavi, Libarna e San Cristoforo in un evento diffuso per offrire ai visitatori un’esperienza più marcata del territorio. L’imponente Forte che domina la cittadina apre le porte a una mostra inedita sulla percezione e la fruizione della Terra mentre il vicino sito archeologico di Libarna propone conversazioni sulle origini del Vino e un curiosissimo mercato di cibo di strada con ricette dell’antica Roma, che recuperano il fascino del sito, originario mercato sulla Via Postumia.

Le filiere della Bellezza ricevono il Premio Gavi la Buona Italia e si presenta la prima indagine nazionale sui progetti che associano Arte al Vino e al Cibo.

PROGRAMMA

Venerdì 27

Premio Gavi La Buona Italia

Sarà assegnato alla” Filiera della Bellezza” i migliori progetti che in Italia associano il mondo del Vino e del Cibo alle Arti e alla Cultura.

Presentazione del Rapporto Wine & Food & Arts

Le interconnessioni tra le Arti, la Cultura e il settore Agroalimentare nazionale sono al centro di questa indagine inedita promossa dal Consorzio tutela del Gavi attraverso il Laboratorio Gavi e in collaborazione con il CeSTIT, Centro Studi per il Turismo dell’Università di Bergamo

Inaugurazione della mostra di scultura  In Principio è la terra

Esposizione site specific delle opere di 33 giovani artisti che parlano di terra e di rapporto fra natura, uomo e terra.

Sabato 28

“Archeologia del vino” – Convegno (Forte di Gavi) con Attilio Scienza

Vigne e vini nell’archeologia dell’Italia settentrionale

 “Street Food a Libarna: alle origini del cibo di strada un percorso di degustazioni di prodotti del territorio i cui ingredienti affondano le proprie origini nell’antichità.

Domenica 29

Tasting GAVI DOCG (riservato) – Castello di San Cristoforo – Bottega del Vino

Forte di Gavi – Degustazione “Alla Corte del Gavi




FRANCESCO GABBANI in concerto sul palco del Quirinetta il 20 maggio

Il 20 Maggio arriva sul palco del Quirinetta, Francesco Gabbani, il cantautore e polistrumentista toscano che ha vinto la 66° edizione del Festival di Sanremo, il Premio della Critica Mia Martini nella sezione Nuove Proposte e il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo del Festival.

“Non vedo l’ora di salire sul palco perché é il live la mia dimensione ideale ha dichiarato Francesco Gabbani che è pronto a partire e a presentare dal vivo il suo nuovo lavoro  “Eternamente ora”, uscito il 12 febbraio per BMG Rights Management (Italy) ed entrato nella Top 20 della classifica Gfk-Fimi degli album più venduti in Italia, quattro settimane dopo l’uscita.

FRANCESCO GABBANI e il suo nuovo album “Eternamente Ora”

“Eternamente ora” è l’album che segna una svolta nella carriera artistica di Francesco e che rappresenta appieno il nuovo viaggio musicale che ha intrapreso, fatto di sonorità pop elettroniche e di testi che invitano a riflettere su vari aspetti della vita . Il disco contiene “Amen”  il brano sanremese da sei settimane in vetta alle classifiche airplay radio, che ha già superato i 3 milioni e 500 mila di visualizzazioni su youtube.




Il sabato degli aperitivi musicali a Palazzo Venezia

Sabato 14 maggio alle ore 11.00 a Palazzo Venezia Napoli (via B. Croce n.19, I Piano) l’ Ass. PA.VE e l’ Accademia Musicale Europea propongono per il ‘Maggio dei Monumenti 2016′ un concerto dedicato a giovani talenti del pianoforte inseriti all’interno de ‘Il Sabato degli Aperitivi Musicali’ diretto Artisticamente dal M° Luciano Ruotolo.

Ad esibirsi i premiati all’interno della Masterclass tenuta ad Aprile a Palazzo Venezia Napoli dal Pianista Giuseppe Devastato, Medaglia d’oro al Global Music Awards di Los Angeles 2015.

I pianisti che si esibiranno proponendo composizioni di Mendelssohn, Chopin, Liszt e Debussy, sono Giulia Govetosa, Gugliemo D’Aniello, Maria Grazia Russo, Pier Carmine Garzillo e Gianluca Blasio.

Ad accogliere gli ospiti un aperitivo di benvenuto ed in omaggio il Cd Registrato dagli Allievi dell’Accademia Musicale Europea, seguirà il concerto all’interno della suggestiva Casina Pompeiana. La giornata si concluderà con la visita guidata agli altri ambienti del Palazzo.

Contributo organizzativo € 5 (Aperitivo-Concerto-Visita Guidata)

Info e prenotazioni al seguente recapito: 0815528739

Programma Musicale dettagliato:

F. Mendelssohn: Fantasia op. 28. Giulia Govetosa

F. Chopin: Scherzo n.2 op.31. Guglielmo D’Aniello

F.Liszt: Studi da Concerto S. 145, ‘Mormorii dalla Foresta’ – ‘Ridda degli Gnomi’.

Maria Grazia Russo

F. Liszt: Polonaise mélancolique, S.223/1. Pier Carmine Garzillo

C.Debussy: Preludi, ‘Danseuses de Delphes’ – ‘Cathedrale Engloutie’. Gianluca Blasio

www.palazzovenezianapoli.comwww.accademiamusicaleeuropea.com




Canzoni della Cupa già primo in classifica. A giugno il tour di Vinicio Capossela

“Canzoni della Cupa” il nuovo disco di Vinicio Capossela, entra direttamente al primo posto della classifica dei dischi più venduti della settimana TOP OF THE MUSIC FIMI/GFK (diffusa oggi da GfK Italia).

Canzoni della Cupa è un’opera originale, su cui Capossela ha lavorato per 13 anni e che arriva a 5 anni di distanza dal suo ultimo disco di inediti. L’album è composto da due lati, Polvere e Ombra, espressioni di un mondo folclorico, rurale e mitico. Al disco hanno preso parte diversi artisti, in un ideale raccordo tra due mondi, quello che racconta la grande frontiera, incarnato da artisti come Flaco Jimenez, Calexico, Howe Gelb e Los Lobos, e quello rappresentato da voci e strumenti espressione della migliore musica popolare italiana, come Giovanna Marini, Enza Pagliara, Antonio Infantino, la Banda della Posta, Francesco Loccisano, Giovannangelo De Gennaro, senza dimenticare altri straordinari musicisti come Victor Herrero, Los Mariachi Mezcal, Labis Xilouris, Albert Mihai e tanti ancora. Il disco è prodotto artisticamente dallo stesso Capossela insieme a Taketo Gohara e Alessandro “Asso” Stefana.

È attualmente in rotazione radiofonica “La Padrona Mia”, secondo singolo estratto dal disco dopo “Il Pumminale”. È inoltre online al link www.viniciocapossela.it/lapadronamia il video realizzato da Sara Fgaier con la collaborazione del regista Pietro Marcello e della Cineteca di Bologna.

Da giugno, Vinicio Capossela sarà in tutta Italia con il tour “Polvere(organizzato da F&P Group), a cui seguirà il tour autunnale “Ombra” nei principali teatri italiani.

 «Le canzoni che affondano nei solchi di questo doppio disco sono canzoni forti e contorte come le radici – dichiara Capossela a proposito di questo nuovo tour – Il concerto che ne ricaveremo sarà un concerto radicale. Radicale nei timbri, nel repertorio e nella formazione. Doppio è il disco e doppio il concerto. All’aria aperta, nella stagione calda, il concerto denominato “Polvere”. Nel chiuso dei teatri, nell’autunno, il concerto denominato “Ombra”. La sostanza della Polvere sarà di timbri forti, marcati e netti che uniscano in forma di quadri, anzi di stasimi, come nella tragedia greca, i blocchi di cui è costituita la materia emotiva del concerto: e cioè l’ancestrale, l’arcaico, il folk, la serenata, la ballata, la frontiera, la fiesta y feria, e la mitologia».

Queste le prime date confermate del tour “Polvere”: il 28 giugno alla Cavea – Auditorium Parco della Musica di Roma, il  29 giugno al Market Sound di Milano,  l’11 luglio in Piazza degli Scacchi a Marostica (Vicenza), il 13 luglio in Piazza Napoleone al Summer Festival a Lucca, il 15 luglio al Castello Scaligero di Villafranca (Verona), il 16 luglio in Piazza della Cattedrale ad Asti, il 19 luglio in Piazza della Loggia a Brescia, il 20 luglio al Flowers Festival di Collegno (Torino), il 24 luglio in Piazza Matteotti a Sogliano al Rubicone (Forlì-Cesena), il 5 agosto all’Arena Bolgheri di Bolgheri (Livorno), il 6 agosto all’Arena del Mare di Civitanova Marche (Macerata), il 9 agosto al Teatro D’Annunzio di Pescara, il 13 agosto al Forum Eventi di San Pancrazio (Brindisi), il 18 agosto alla Summer Arena di Soverato (Catanzaro), il 20 agosto al Teatro Verdura di Palermo, il 21 agosto al Teatro Antico di Taormina, il 29 agosto al Beat Festival di Empoli e il 4 settembre all’Home Festival di Treviso.

I biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne e i circuiti abituali (per info www.fepgroup.it).