Grande successo per la serata “Small Food Excellence” che si è svolta all’Elizabeth Unique Hotel di Roma

Lara Ferrara

Un luogo , che sia un bellissimo hotel, una casa, un castello… Si “arreda” prima di tutto con le belle energie. È questo il particolare più importante dell’Elizabeth Unique Hotel, oltre lo stile, la classe negli arredi importanti, la qualità e l’eccellenza di questo prezioso nucleo, una perla luminosa nel centro della città di Roma.

In una atmosfera elegante e rilassata, sono stati accolti i circa 200 ospiti che hanno accettato con entusiasmo l’invito degli organizzatori a questa lodevole iniziativa voluta da IBF e da Giuseppe Falconieri, Chief Inspiration Officer della raffinata struttura alberghiera, che ha ricevuto con calore e cordialità i numerosi ed importanti invitati presenti, tra i quali Andrea Roncato in compagnia della moglie Nicole Moscariello, i ballerini Stefano Oradei e Veera Kinnunen, giunti in hotel subito dopo le prove di Ballando con le Stelle, l’attore e ballerino Branko Tesanovic e Safiria Leccese, Giuseppe Pietrafesa, Guglielmo Giovanelli Marconi, Giuseppe Ferrajoli, Fulvio Rocco de Marinis, insieme a tanti giornalisti, imprenditori e personalità delle istituzioni.

La serata si è svolta con l’assaggio dei deliziosi i prodotti in degustazione: formaggi, latticini, salumi, vini e birre artigianali e apprezzatissimo il menù realizzato dagli chef del Bar Bacharach Bistrot utilizzando questi prodotti di altissima qualità ed evidenziandone le eccellenti qualità organolettiche e la versatilità di utilizzo nella preparazione di specialità della nostra tradizione regionale.

Particolarmente graditi i primi piatti, di spiccata derivazione laziale, come amatriciana e gricia, che hanno esaltato la qualità della filiera produttiva del nostro territorio nazionale, proponendole ai potenziali partner, buyer ed investitori presenti. L’evento ha costituito, dunque, un’importante opportunità di business per queste piccole realtà del settore food & beverage italiano, che fanno dell’altissima qualità la loro cifra espressiva, ma anche un’importante occasione per accendere l’attenzione sulle tematiche sociali da sempre care ad IBF e ad Elizabeth Unique Hotel, sollecitando a devolvere il 5 per mille a due associazioni altrettanto eccellenti come Porta del Cielo Onlus (www.portadelcielo.com), che assiste bimbi e ragazzi malati nei difficili e costosi percorsi di cura delle loro patologie e Valueable che cura l’inserimento professionale di persone con disabilità intellettiva, nel settore dell’ospitalità.

Le Onlus:

Porta del Cielo Onlus, rappresentata dai testimonial Ilaria Spada ed Andrea Roncato, è nata a Roma nel 2009 a seguito dell’esperienza di Fede legata alle apparizioni di Medjugorje ed alle conseguenti conversioni di milioni di persone che hanno portato i fondatori all’impegno nel campo dell’assistenza alle famiglie, spesso non abbienti, dei bambini e dei ragazzi che hanno necessità di cure mediche specialistiche in Italia, collaborando con strutture come l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, L’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova e l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

Mentre Valueable, rappresentato da Paola Vulterini, è un progetto europeo cofinanziato dalla Commissione Europea e promosso dall’Associazione Italiana Persone Down Onlus che coinvolge una molteplicità di attori, commerciali e non commerciali, ubicati in sei diversi paesi (Italia, Germania, Portogallo, Spagna, Ungheria e Turchia). La rete promuove l’inclusione nel mercato del lavoro delle persone con disabilità intellettiva attraverso la diffusione di collocamenti mirati (tirocini e/o impieghi) nel settore dell’ospitalità.




Mercoledì 15 maggio 2019 alla Camera dei Deputati si terrà la Conferenza Stampa dell’ Associazione Nazionale Giovani Innovatori

Lara Ferrara

Mercoledì 15 maggio ore 10.00, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, presentazione del Manifesto Europeo per l’Innovazione con i saluti dell’On. Fabio Rampelli (Vicepresidente della Camera dei Deputati) e gli interventi di: Vincenzo Zoccano (Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – M5S); On. Annagrazia Calabria (Vicepresidente della Commissione Affari Costituzionali – Forza Italia); On. Giulio Centemero (Capogruppo Lega
Commissione Finanze); On. Anna Ascani (Vicepresidente del Partito Democratico); On. Federico Mollicone (Capogruppo Fratelli d’Italia Commissione Cultura, Scienza e Istruzione).

L’Associazione Nazionale Giovani Innovatori è la prima organizzazione nazionale non profit interamente dedicata al mondo dell’innovazione la prima organizzazione nazionale non profit interamente dedicata al mondo dell’innovazione, in ognuna delle sue forme.

Il Manifesto si rivolge alle diverse rappresentanze politiche in Parlamento e al Governo con l’obiettivo di essere portavoce dei giovani innovatori italiani ed europei. Un’occasione importante per presentare alcuni dei punti che si ritengono fondamentali per vincere la sfida della prossima legislatura europea a sostegno della crescita e della valorizzazione dell’ecosistema italiano, promuovendo il dialogo tra tutti i Paesi membri della UE su temi condivisi e trasversali a favore dei giovani, delle imprese, del lavoro, della ricerca, dell’istruzione e del mondo innovazione.

Gabriele Ferrieri, Presidente Associazione Nazionale Giovani Innovatori (ideatore e organizzatore), presentando il Manifesto ANGI ha dichiarato: «La maggior parte delle realtà che oggi operano in Italia sono verticali. Non permettono il dialogo tra i vari attori, ma finiscono sempre col comunicare a quell’1% della popolazione che già conosce perfettamente le tematiche dell’innovazione. Con Angi volevamo creare un’organizzazione no profit che avesse come scopo quello di rispondere ad esigenze che non avevano ancora trovato soluzione. Le nostre parole chiave sono innovazione, giovani e cultura. Oggi possiamo dire di aver mosso un primo grande passo verso il perseguimento della mission: proporci in Italia e nel mondo come punto di riferimento per l’innovazione, sviluppandola in tutte le sue declinazioni e in piena sinergia fra tutte le realtà e gli operatori del mondo dell’#innovazione. Dalle startup a chi ha un’idea da realizzare, dalle associazioni di categoria alle Università, dalle agenzie governative fino al parlamento italiano ed europeo»




Successo per Barbara Vissani che Lancia Villa Baldacchini Nel Mondo Del Wedding con un Trionfale Opening Party

La grande Wedding Planner stupisce i suoi ospiti con un evento ad effetto, in un luogo incantato che svela al pubblico la bellezza di luoghi sospesi tra sogno e realtà.

La Pattuglia acrobatica disegna cuori nel cielo di Torrita Tiberina, tra lo stupore degli ospiti, le note di un quartetto d’archi e i passi fieri di pavoni bianchi nell’ampio giardino che apre la sua vista sulla valle dove il Tevere, pacifico protagonista di questi luoghi, disegna capricciose curve nel suo morbido percorso verso il mare. Sotto un arco adornato da rinascimentali composizioni floreali, gli sposi si dichiarano eterno amore, in questi luoghi in cui la storia è silente testimone di secoli passati velocemente e di attimi eterni. Testimone di vita. Testimone d’Amore.

La famiglia Careri, proprietaria della Villa, non poteva immaginare niente di più affascinante per mostrare il tesoro prezioso di questa straordinaria dimora, schiudendo lentamente, alla curiosa attenzione del pubblico, lo scrigno che ne custodisce l’inestimabile valore. Villa Baldacchini, che sorge sulle antiche vestigia della dimora che ospitò Agrippina nel primo secolo d.C., si apre al mondo del wedding svelando gradualmente le proprie meraviglie, grazie alla sapiente regia di Barbara Vissani che orchestra un crescendo di emozioni scandito da momenti chiave che regalano brividi.

Elegantissime ninfe dei boschi – in abiti realizzati con tessuti leggeri e fiori, frutto della collaborazione tra l’Atelier di abiti da sposa e il team dei floral designer – accolgono il folto pubblico giunto in quest’angolo di paradiso.

La sposa, in un romantico abito firmato da La Vie En Blanc Atelier e con un’eterea immagine curata dalla makeup artist e hair stylist Marianna Zambenedetti, giunge a bordo di un elicottero che atterra leggero e sicuro sul prato della Villa. Ad attenderla, indossando un elegantissimo abito di Carosi Uomo, l’uomo che la prenderà in sposa. Tra due ali di incantati ospiti, raggiungono il celebrante e, sulle romantiche note degli archi del Quartetto d’archi femminile Sharareh, il rito del matrimonio raggiunge il culmine.

Gli scatti fotografici di Antonio Carneroli e Diego Montano di Photostudio DM immortalano il momento del “sì”, scandito dal volo della Pattuglia Acrobatica che traccia una lunga scia bianca nel cielo azzurro, a rendere eterno questo attimo. Dopo le emozioni del rito, sicura e sorridente, Barbara Vissani, alla presenza di Rita Colafigli, Sindaco di Torrita Tiberina, ha aperto il cocktail che ha deliziato gli ospiti con le prelibatezze proposte dagli chef, abbinate ad una selezioni di vini e gustose bollicine, accompagnandoli a prendere posto nell’elegante Sala delle Volte, caratterizzata dai mattoncini dell’originaria struttura del 1600 e dalle tracce degli antichi focolai, riemersi grazie agli importanti lavori di ristrutturazione, eseguiti con scrupoloso rispetto delle origini. Gli eleganti allestimenti dei tavoli – sui quali troneggiavano scenografici candelabri dominati dalle romantiche decorazioni floreali realizzate dai professionisti de I Fiori di Donatella e Giuliano e Fabiola Gentilucci di Floralinn in collaborazione con Roberta Farris Art- hanno ospitato un’elegante cena placée, servita sulle coinvolgenti note del sax di Antonio D’Avolio che hanno poi accompagnato il pubblico di stampa ed esperti del settore wedding fino al momento del caffè, in un dopocena tranquillo e rilassato, degustando distillati e sigari sulla terrazza al primo piano della Villa. Ma le sorprese pensate da Barbara non erano ancora finite.

Con un timing perfetto Michela Careri, l’elegante padrona di casa e Barbara Vissani hanno invitato gli ospiti a raggiungerle nel giardino dove stava iniziando il coinvolgente show di Britney Aerial Sphere che ha illuminato la notte con l’incanto e la grazia delle sue eleganti coreografie, fino all’emozionante spettacolo pirotecnico che ha chiuso la serata tra gli applausi dei tanti estasiati ospiti, testimoni di un evento decisamente unico.

http://https://www.facebook.com/weddingstream/videos/1610352569097696/




L’educazione fa bene alla salute. Al Santa Maria della Pietà c’è “Educata-Mente” il primo meeting delle scuole della ASL Roma 1


Oltre 100 iniziative popoleranno il Parco di Santa Maria della Pietà il prossimo 10, 11 e 12 maggio. È questa la tre giorni organizzata dalla ASL Roma 1 per ribadire lo stretto legame esistente tra Scuola e Salute, con la partecipazione attiva delle istituzioni scolastiche del territorio.

Molti gli appuntamenti in programma dalle iniziative espositive, espressive e seminariali – cui parteciperanno allievi, insegnanti, genitori, operatori sanitari e del sociale – alla musica, dallo sport ai laboratori creativi, dalle visite presso il Museo Laboratorio della Mente all’antica e terapeutica arte della pasticceria, e non mancheranno focus sulla prevenzione, anche in merito al fenomeno del cyberbullismo. Due gli importanti eventi conclusivi: “Piantiamo un albero: un bambino e un albero da custodire” e la premiazione de “Il Parco che vorrei”, momento in cui verranno raccolte e valutate tutte le proposte dei ragazzi per migliorare il parco.

L’iniziativa è frutto del Protocollo Interistituzionale per l’Inclusività e la Promozione della Salute in ambito scolastico siglato nel 2018 dalla ASL Roma 1 con gli Ambiti Territoriali Scolastici/Scuola Polo per l’Inclusione 1, 2, 8, 9, il MIUR, il Dipartimento Politiche Sociali Sussidiarietà e Salute e Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici, Politiche della Famiglia e dell’Infanzia di Roma Capitale, i Municipi Roma I, Roma II, Roma III, Roma XIII, Roma XIV, Roma XV e ben si colloca all’interno del Comprensorio dove è stato recentemente istituito il Centro Internazionale di Promozione della Salute e del Benessere, una grande officina di idee e di strategie finalizzate al miglioramento dello stato di salute e di benessere di tutti i cittadini.

Per il programma completo: www.aslroma1.it




Barbara Vissani apre le porte di Villa Baldacchini a Torrita Tiberina

Pavoni bianchi, sposi in elicottero, musica, spettacolo, cena placée, giochi pirotecnici e un “tocco di bianco” anche per il passaggio degli aerei delle Frecce Tricolori. Questi gli elementi di un Vin d’Honneur in grande stile, nel fascino esclusivo di una location incantevole.

L’arrivo della primavera segna l’inizio della nuova stagione del wedding, un mondo in continua evoluzione, sempre alla ricerca delle novità più affascinanti. Sono però solo i grandi professionisti, veri protagonisti della scena wedding, a cercare e proporre nuove soluzioni e spettacolari location, dimore di straordinario fascino che aprono le porte al mondo del wedding esclusivamente sotto la guida di affidabili figure professionali.

Guidata da questa visione, la famiglia Careri, proprietaria di Villa Baldacchini a Torrita Tiberina, ha deciso di affidare in esclusiva questo autentico gioiello a Barbara Vissani, riscontrando in lei caratteristiche di grande professionalità, affidabilità e serietà, elementi imprescindibili per consegnarle, idealmente, le chiavi di questa prestigiosa ed elegante dimora immersa nel verde, affacciata sulla splendida valle del Tevere dove il corso sinuoso del fiume è protagonista indiscusso. La struttura, a soli quaranta minuti dal centro storico di Roma, nasce sulle rovine di un’antica villa romana del primo secolo d.C. e ne conserva le antiche vestigia nel lussureggiante giardino in cui troneggia la fierezza degli splendidi pavoni bianchi che accolgono gli ospiti. La villa conserva intatto il fascino di moltissimi splendidi elementi, raccontati dalla storia millenaria di questi luoghi. All’interno spicca l’eleganza di ambienti come la sala delle volte al piano terra, con il prezioso pavimento in marmo intarsiato a motivi floreali e dove importanti lavori di ristrutturazione, eseguiti con scrupoloso rispetto delle origini, hanno fatto riemergere i mattoncini appartenenti alla struttura del 1600 e le tracce degli antichi focolai dell’epoca. Notevole anche la sala verde, adiacente alla prima, che presenta un magnifico camino in marmo bianco di Carrara ed un soffitto a voltine in mattoncini. La grande terrazza panoramica, godibile anche durante le stagioni meno calde, grazie a una moderna pergotenda che la trasforma in un un giardino d’inverno, la raffinatezza degli arredi e la vista mozzafiato fanno di questa villa, assolutamente unica nel suo genere, il luogo perfetto per soggiorni indimenticabili all’insegna del relax, del comfort e della privacy, oppure per la scenografia di matrimoni davvero spettacolari. A completare i servizi dedicati ai promessi sposi la selezione di abiti da sogno tra quelli proposti da La Vie En Blanc Atelier, Storica Maison del quartiere Prati di Roma, partner esclusivo della Villa e tra le eleganti creazioni sartoriali maschili di Carosi Uomo, eccellenza artigianale a due passi da Piazza di Spagna.

Barbara Vissani, tra le più affermate Wedding Designer italiane, incanta il panorama del wedding realizzando eventi nuziali davvero spettacolari, caratterizzati da straordinari allestimenti scenografici e valorizzati dalla sapiente regia con cui scandisce perfettamente i tempi dei suoi matrimoni. Per il lancio di Villa Baldacchini la nota wedding planner ha ideato un evento decisamente fuori dai canoni, mandando in scena un autentico matrimonio, facendo atterrare gli sposi con l’elicottero in dotazione esclusiva della villa e presentando al pubblico e alla stampa gli angoli più nascosti di questo scrigno prezioso. L’evento sarà scandito da vari momenti, che coinvolgeranno gli ospiti in un’emozionante e dinamico svolgimento. Rispettando il white dress code, la pattuglia delle Frecce Tricolori saluterà gli ospiti con un’inusuale scia bianca, aprendo il gustoso cocktail di benvenuto in giardino al quale seguirà l’elegante cena placée, servita nella sala dominata da uno scenografico tavolo imperiale allestito – come tutti gli spazi dell’evento – da Fiori di Luna e Floralinn, con strepitose composizioni floreali in perfetta armonia con i luoghi. La cena sarà allietata dalle note del raffinato quartetto d’archi femminile Sharareh. Successivamente gli ospiti, dopo aver degustato caffè, distillati e sigari in terrazza, cullati dalle coinvolgenti note del sax di Antonio D’Avolio, scenderanno di nuovo in giardino per assistere al magico show di Britney Aerial Sphere, al termine del quale lo spettacolo di fuochi d’artificio chiuderà l’evento con lo stesso calore con il quale Barbara Vissani ha invitato a scoprire l’incanto di Villa Baldacchini all’inizio di questa indimenticabile giornata.




Donne Visionarie a Palazzo Merulana – Dal 3 al 5 maggio proiezioni e incontri con le protagoniste diretti da Giuliana Alberti e la benedizione di Jane Campion

Lara Ferrara

Si è aperta oggi a Palazzo Merulana la maratona di tre giorni più “visionaria” dell’anno (dal 3 al 5 maggio).
Ideata e diretta da Giuliana Alberti e una madrina d’eccezione, Jane Campion, componente del comitato d’onore insieme a Luciana Castellina, Liliana Cavani, Piera Degli Esposti, Dacia Maraini e Shirin Neshat, che ha concesso l’utilizzo delle immagini simbolo della manifestazione.

Tre giorni interamente dedicati al ruolo della donna nel cinema, nella televisione e nella letteratura. Incontri, proiezioni, conferenze e momenti di interazione con il pubblico, alla presenza di grandi registe, sceneggiatrici, scrittrici, produttrici e attrici insieme con l’intento di rappresentare i linguaggi artistici e cinematografici al femminile. Donne protagoniste del mondo del cinema, dell’audiovisivo e della letteratura discuteranno del “potere” dello sguardo femminile e di come “il genere” possa o meno influenzare la narrazione. Giovani donne a confronto in un proficuo scambio intergenerazionale che coinvolge in particolare, il pubblico delle Scuole, delle Accademie e delle Università di Cinema.

L’evento vuole essere, anche, lo spunto per una riflessione sulla rivoluzione del #Metoo e sulle protagoniste del movimento che hanno rotto il silenzio nel mondo dello spettacolo, della politica, dei media e in più in generale del lavoro.

Programma

venerdì 3 maggio
11:00
“La narrazione al femminile”
Dal libro alla serie, la catena è d’autrice.
La direttrice di Rai Fiction Eleonora Andreatta e alcune tra le più interessanti e versatili sceneggiatrici della serialità televisiva italiana si confrontano sui linguaggi artistici, e sul “potere” dello sguardo “al femminile”.
Intervengono: Eleonora Andreatta, Elena Bucaccio, Doriana Leondeff, Laura Paolucci, Monica Rametta con lo sceneggiatore Salvatore De Mola.

16:00

Non è un mestiere per donne (?)
La presenza delle donne nel cinema italiano è più evidente in alcuni settori, meno forte in altri come la produzione e la regia, dove le percentuali femminili sono ancora molto basse, per non parlare dei salari.
Ne discutiamo con Chiara Sbarigia Direttore Generale (APA – Associazione Produttori Audiovisivi) e con la produttrice Gloria Giorgianni, il produttore Riccardo Tozzi, la casting Laura Muccino, la scrittrice e neo-produttrice Cinzia Bomoll e con Costanza Quatriglio regista e direttrice Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, Anna Negri – regista e docente Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volonté, Paola Randi – regista e docente Scuola Griffith e con Fabia Bettini Direttrice artistica “Alice nelle città”, Annamaria Granatello direttrice Premio Solinas e con Maura Morales Bergmann direttrice della fotografia.

18:00
“Da Piccole donne all’Amica Geniale”
Storie di sorellanze
Proiezione di una clip tratta da “L’amica geniale” e breve reading da “Piccole donne” con Eleonora Danco.
“Aiutarsi l’una con l’altra fra parte della religione della sorellanza” (Louisa May Alcott).
Un percorso tra le diverse scritture e tra le diverse forme di sorellanze alla presenza di due icone della letteratura e del cinema Dacia Maraini e Piera Degli Esposti.
Con Concita De Gregorio, Titta Fiore, Dacia Maraini, Piera Degli Esposti, Laura Paolucci, Laura Muccino, Sara Casani, Luciana Castellina, Biancamaria Frabotta, Lia Migale.

20:00
Proiezione: Linfa” regia di Carlotta Cerquetti

21:00
Proiezione: “N-Capace” regia di Eleonora Danco

sabato 4 maggio
09:30 – 13:00
“Unconcious Bias” – Pregiudizi inconsapevoli
Workshop tenuto da Paula Alvarez Vaccaro – Pinball London Production, Kingston University of London.
I pregiudizi inconsapevoli si sviluppano in giovane età e hanno effetti sui comportamenti.
Il workshop, sarà tenuto, in esclusiva per “Visionarie”, da Paula Alvarez Vaccaro, docente alla Kingston University di Londra e interessante produttrice italo-inglese, attualmente al lavoro per la serie televisiva sulla grande fotografa Tina Modotti che vede protagonista Monica Bellucci, per la regia di Edoardo De Angelis.

15:00

“Gender Gap” – Pregiudizi e diseguaglianze di genere nell’industria dell’audiovisivo.
Presentazione e proiezione di una clip tratta dal documentario “Normal” di Adele Tulli, presentato nella sezione “Panorama” del Festival di Berlino. Un viaggio attraverso gli stereotipi di genere e le convenzioni sociali che influiscono sul nostro agire quotidiano.
L’incontro con Adele Tulli avverrà in concomitanza con l’uscita nelle sale cinematografiche di “Normal”.
Discuteremo anche il tema della parità di genere e di “quote rosa” nel settore audiovisivo.
Con Adele Tulli, Paula Alvarez Vaccaro, Domizia De Rosa (Women in Film, Television & Media Italia) Giulia Steigerwalt (Dissenso Comune), Maura Misiti (progetto ricerca DEA), Anna Kristina Kappelin (Console onorario di Svezia – Swedish Film Institute), Chiara Tilesi produttrice “We do it together in collegamento Skype da Los Angeles.

In sala:
DOC.IT / CNA Agnese Fontana – Mario Perchiazzi
Rappresentanti delle Associazioni di categoria
CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma
Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volontè

17:00
“Zapping di una femminista seriale”
Il libro di Federica Fabbiani
Con Federica Fabbiani e Monica Luongo (giornalsita – redazione “Leggendaria” rivista di Cultura femminista).
Il libro si addentra nel mondo delle “personagge seriali” L’autrice analizza le produzioni seriali televisive che stanno rivoluzionando in senso femminista i palinsesti, offrendo alle donne ruoli non appiattiti sulla visione maschile del mondo e in grado di tracciare percorsi imprevisti al confine tra reale e immaginario.

18:00
Un mondo di cattive ragazze
Proiezione di una clip da “Sbagliate” di Elisabetta Pandimiglio
Le “cattive” attrici e la guerrilla filmaking
Attrici, registe e scrittrici a confronto con Lidia Ravera e con Cristina Donadio, Sara Serraiocco, Iaia Forte, Francesca Valtorta, e Carlotta Cerquetti, Eleonora Danco, Wilma Labate, Laura Luchetti, Anna Negri, Elisabetta Pandimiglio, Costanza Quatriglio, Monica Stambrini.

A seguire
PREMIO “MILLENIAL VISIONARIA” premio alla “visione, al coraggio, alla passione”.
La vincitrice, designata dal Comitato Scientifico presieduto da Giuliana Aliberti, vincerà una residenza/workshop a Villa Axel Munthe – Capri, dove potrà lavorare a stretto contatto con una icona del cinema italiano.

domenica 5 maggio
dalle 12:00 alle 13:30

Il mondo dopo la scuola di cinema: horror o commedia? Giovani cineaste tra speranze e paure
Talk con Gloria Malatesta (sceneggiatrice e docente CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia) e Silvia Napolitano (sceneggiatrice e docente CSC), Anna Negri (regista e docente Scuola Gian Maria Volontè) e Ilaria Fraioli (montatrice e docente Scuola Gian Maria Volontè).
L’incontro con un gruppo di alunne/alunni ed ex alunne/alunni del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e della Scuola d’Arte Cinematografica Gian Maria Volontè che si raccontano tra i sogni delle aule e la realtà del mercato.

Partecipazione gratuita fino ad esaurimento posti disponibili
Info
+39 0639967800




Ottica Romani – Un invito nel cuore della Capitale per uno sguardo sul futuro – La storica Maison Romana, custode di una grande tradizione artigiana nell’ottica

Con un elegante cocktail nella sua sede di Via Flavia 122 a Roma, Ottica Romani presenterà, alla presenza di Jimmy Ghione, volto noto di Striscia la Notizia, in veste di testimonial, il nuovissimo modello di occhiali “TRENDY Hand Free”, che segna un deciso passo in avanti sul fronte della sicurezza nella vita di tutti i giorni. grazie ai suoi importanti contenuti tecnologici che permettono di usare lo smartphone, compagno ormai inseparabile delle nostre giornate, senza correre rischi in tutte le situazioni quotidiane.

Ottica Romani è stata scelta per il lancio e la successiva assistenza di questo innovativo occhiale che racchiude, nell’eleganza della montatura, un concentrato di tecnologia in cui l’unico limite d’utilizzo è la fantasia. La versione base ingloba un sistema che lo connette, via bluethoot, allo smartphone, consentendo di parlare al telefono rimanendo concentrati sulle proprie attività, senza togliere, ad esempio, le mani dal volante dell’auto o dal manubrio della moto o della bici che si sta guidando, continuando tranquillamente a sciare, a fare jogging, a passeggiare o a leggere un libro in giardino. Le evoluzioni di questo modello sono dotate di telecamere in alta definizione che consentono di riprendere e trasmettere live, attraverso le applicazioni del telefono, le immagini che vedono in nostri occhi, rendendo ancora più semplice e coinvolgente la ripresa di attività sportive o consentendo, da remoto, l’ispezione di luoghi non presidiati o la verifica dello stato di salute di persone care ma purtroppo lontane. Altre applicazioni prevedono, tramite appositi sensori, il monitoraggio di funzioni vitali di chi indossa questo gioiello tecnologico e la trasmissione dei dati rilevati a medici di fiducia o a centri preposti all’analisi degli stessi.




La meraviglia della Primavera ucraina di Marianna Abramova a Palazzo Velli – Roma

di Lara Ferrara

Ho incontrato Marianna Abramova durante la sua mostra a Roma. Una mostra di arte contemporanea ucraina ,”NuovaPrimavera” nella galleria “Palazzo Velli Expo” a Trastevere. Per il Centro Culturale “Artline”, sul patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e dell’Ambasciata dell’Ucraina in Italia con l’obiettivo di rappresentare il potenziale creativo dell’arte moderna dell’Ucraina in vari settori: pittura, arte-ceramica, scultura, illustrazioni di moda , gioielli, profumo d’autore e moda Haute Couture.
Parlando delle opere di Marianna Abramova, curatrice del progetto stesso,artista, art-director del CC “ArtLine”, membro dell’Unione nazionale degli artisti dell’Ucraina, Unione nazionale dei giornalisti dell’Ucraina, Associazione degli artisti visivi della Grecia centrale…

Subito sono rimasta affascinata dalla moltitudine di linee e ritmi che emanano un delicato equilibrio tra libertà e limitazione, luce e buio, forze di distruzione e creazione… Il senso della vita, la volontà dei colori acrilici che richiamano orizzonti dove il tema della primavera assume un significato filosofico. Una riflessione sul passato e sul futuro,sullo stato di elevazione spirituale per una nuova vita.
L’immagine di una leggerezza trasognante,un viaggio visivo tra la bellezza del mondo e tutti i suoi frammenti liberi e colmi di emozioni.
Un impulso vitale che fa apprezzare ogni momento, ogni particella di vita.

“L’Ucraina moderna è diversa, ricca di tradizioni, sensibile alle sfide attuali, concettuale ed elegante, profonda, con umorismo ed energia, capace di creare nuovi sensi e dare vita alle nuove idee. L’obiettivo di questo progetto artistico è quello di abbracciare diverse sfere artistiche per trasmettere il livello di energia creativa e attività artistica che sta fiorendo ora in Ucraina” – afferma Marianna Abramova – “Nella nostra ambizione di essere originali, cerchiamo di distinguerci dalle masse, e allo stesso tempo di cadere in un certo modello di originalità fornito dall’industria pubblicitaria e dai mass media. Ci sforziamo di sentirci unici, ma creiamo uno stile di vita e un ritmo che ci rendono più uniti e uniformi. Gli sviluppi scientifici e tecnologici ci portano a nuovi orizzonti di apparenti benefici, ma ci spingono ancora più lontano dalla natura e da una convivenza armonica con l’ecosistema, l’ego dell’uomo contemporaneo ci mette in pericolo. La rotazione della ruota della vita ci fa sentire che non siamo altro che macchie di polvere nel vento. Ma la scelta consapevole di un’unica personalità decisiva è in grado di cambiare improvvisamente il modello dell’esistenza.”

Marianna Abramova con la cantante mezzo soprano Ayana Sambuu e sua figlia




Taglio del nastro per il Centro di Oftalmologia Pediatrica dell’ospedale Oftalmico alla presenza del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti,

AL VIA IL CENTRO DI OFTALMOLOGIA PEDIATRICA ALL’OSPEDALE OFTALMICO, UNO SPAZIO A MISURA DI BAMBINO

Taglio del nastro per il Centro di Oftalmologia Pediatrica dell’ospedale Oftalmico alla presenza del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, dell’Assessore Sanità e integrazione Socio-Sanitaria Alessio D’Amato e del Direttore Generale della ASL Roma 1 Angelo Tanese, insieme al Presidente del Municipio Roma 1 Centro Sabrina Alfonsi.

IL CENTRO – Un ambulatorio a misura di bambino, con un investimento complessivo tra ristrutturazione impiantistica, edile e strumentazione di circa 140.000 euro. Si tratta di un servizio di secondo livello, che consentirà di effettuare un’importante attività di diagnostica oltre che di prevenzione e trattamento delle miopie con nuove tecniche farmacologiche. Nel Centro, oltre a visite oculistiche e ortottiche pediatriche, saranno trattati astigmatismi, strabismi e somministrato test del riflesso rosso, screening effettuato alla nascita essenziale per il precoce riconoscimento di patologie che possono compromettere la vista dei bambini. Di prossimo avvio anche un servizio dedicato alle scuole, volto alla prevenzione dell’occhio pigro.

L’ambulatorio, che si rivolge a bambini da 0 a 14 anni, viene assicurato il martedì, mercoledì e giovedì dalle 8 alle 13, con la prenotazione della prima visita oculistica o ortottica tramite ReCUP, e i successivi controlli gestiti direttamente dal Centro.

AMBIENTI ACCOGLIENTI – Sulle pareti dell’ambulatorio sono stati realizzati dal giovane scenografo Giorgio Brizielli alcuni personaggi a fumetti con nomi ispirati all’universo degli occhi. L’obiettivo delle decorazioni è quello di trasformare la sala d’attesa in un ambiente particolarmente accogliente per i bambini. Stesso concept anche per lo spazio esterno, con un giardino – chiamato “giardinocchio” – a disposizione dei piccoli pazienti, in cui giocare in sicurezza.

L’OSPEDALE OFTALMICO – Con i suoi 60.000 accessi annui al Pronto Soccorso Oculistico, i circa 7000 interventi chirurgici, di cui 1000 per distacco di retina, e gli oltre 2800 trattamenti intravitreali per le maculopatie è una realtà di eccellenza nel panorama nazionale. Da alcuni anni è in corso un processo di crescita continua delle attività, con professionisti altamente qualificati e di consolidata esperienza, affiancati dall’ingresso significativo di molti giovani medici.




Brindisi all’Elizabeth Unique Hotel a Roma, dopo la presentazione della mostra “Photos for lifes” di Enrico Vanzina alla Galleria Russo di Roma.

Con un raffinato light dinner, l’elegante Hotel di via del Corso con ingresso su via delle Colonnette ha chiuso in bellezza la presentazione della mostra di fotografie di Enrico Vanzina alla Galleria Russo, progetto benefico in favore della Pediatria del Policlinico Umberto I a Roma.
Giovedì 11 aprile 2019 il Bar Bacharach & Bistrot, la terrazza dell’Elizabeth Unique Hotel, raffinato e prestigioso boutique hotel nel centro di Roma, ha ospitato l’elegante cocktail a chiusura del vernissage di presentazione di “Photos for Life”, importante appuntamento con il quale la Galleria Russo ha presentato al pubblico ed alla stampa la raccolta di fotografie ispirate ai grandi film, realizzate dallo sceneggiatore e scrittore Enrico Vanzina. “Sapore di
mare”, ad esempio, grandissimo successo diretto dal suo indimenticabile fratello Carlo, simboleggiato da uno scatto di due sdraio sotto un ombrellone.
Davvero un bagno di folla per Vanzina, tra questi volti noti come Riccardo Rossi, Giampaolo e Rossana Letta, lo scenografo Gaetano Castelli che ha firmato un testo critico della mostra, i produttori Pietro Valsecchi con la sua Camilla Nesbitt, Fulvio Lucisano, la top model Linda Pavlova, Richard Borg, il regista Claudio Risi e lo sceneggiatore Edoardo Falcone, Federica Fendi, Piera Detassis, Marisa Stirpe e il notaio Giovanni Pocaterra e molti altri personaggi presenti per testimoniare e condividere questo importante progetto di concreta solidarietà, che renderà migliore la vita di molti piccoli pazienti. I proventi della vendita delle opere in tiratura limitata verranno, infatti, interamente devoluti all’acquisto di un manometro ad alta risoluzione per l’Unità Complessa di Gastroenterologia Pediatrica del Policlinico Universitario Umberto I – Università La Sapienza, Roma diretta dal prof. Salvatore Cucchiara. Senza soluzione di continuità le conversazioni sulle suggestioni artistiche e le ispirazioni della mostra, sono proseguite all’Elizabeth Unique Hotel, a conferma dello stretto legame di collaborazione con la Galleria Russo che espone, negli eleganti spazi dell’Albergo, una importante selezione di opered’arte
Accolti da Giuseppe Falconieri, Chief Inspiring Officer e autentica anima del progetto Elizabeth Unique Hotel, dopo una passeggiata attraverso le vie del centro storico, i prestigiosi ospiti sono giunti in via delle Colonnette dove, negli eleganti spazi del Bar Bacharach & Bistrot dell’Elizabeth Unique Hotel, hanno potuto degustare deliziosi involtini di melanzane, finger di polpo, crema di piselli con pesce spada, pane al nero di seppia con salmone e zucchine, tortino
di patate con tonno affumicato, carpaccio di salmone marinato, cous cous di verdure, tartellette salate, arancini, polpettine e frittelle dello chef, adeguatamente abbinate ad una selezione di vini bianchi,rossi e bollicine nazionali.