É finita la crisi? Intanto arriva il video NON video di Bussolletti!

É finita la crisi? Intanto arriva il video NON video!

Link video:https://youtu.be/Y2Dilvj_-5g

youtu.be
Ma sono davvero sorrisi spiegàti, quelli di “È finita la crisi?” Bussoletti, in mezzo a EP, album e canzoni applaudite dalla critica e seguite da un pubblico…

Bussoletti scherza o forse no. Non s’è capito e forse è proprio lui a non volerlo far capire perché l’arte ha il dovere di insinuare il dubbio ma non di dare le risposte. Il singolo dell’artista romano, che sta calcando le orme del nuovo cantautorato italiano tra Calcutta, Cosmo e Coez, sta avendo un ottimo riscontro in radio e sul web ed ora arriva l’atteso videoclip… che non è un videoclip!
E’ una specie di reportage su sé stesso, forse seguendo la sua natura da giornalista. Nelle riprese viene pedinato per ventisei ore in una VERA giornata senza fine, dove essere “artista” significa mettere in fila incontri, bevute, ispirazione, fastidi o semplici necessità quotidiane. Il crollo è inevitabile.

Tre minuti di montaggio diFederico Alessandro Galli che condensano una frenesia che pulsa altrettanto forte nel testo e nella musica. Sorrisi nervosi, appunto, icone generazionali che tornano (Heather Parisi o Max Pezzali), i social (gli smile condivisi, i selfie con l’Uomo Ragno), i luoghi (Via Montenapoleone a Milano, il Teatro dell’Opera) e il corpo sano (in fondo, abbiamo ancora trentaquattro denti), ma fino a un certo punto, un senso strisciante di malessere che incrina un ritornello contagioso e un poco psicotico.

Sono i Tempi Moderni in cui l’operaio di Charlie Chaplin ha ancora un posto d’onore e in cui il buon pop di questa apina operaia sa farsi sentire con la giusta, isterica e avvincente allegria. Un’ape operaia della musica viva.

L’uscita del nuovo videoclip è festeggiata con alcuni eventi… sportivi. Il giorno della release, Bussoletti ha conseguito la cintura gialla della via marziale coreana Hwa Rang-Do che pratica da tempo e domenica giocherà a Casale Monferrato con la Nazionale Cantanti.

Il 30 maggio esordirà nellaPartita del Cuore, sempre con la NIC, presso lo Stadio Marassi di Genova.

***

Ma Bussoletti chi è?

E’ uno dei cantautori più attivi degli anni zero. Uno che ha duettato con Dario Fonell’album distribuito col Fatto Quotidiano nel 2006 e che ha scritto la canzone, “Povero Drago”, che Amnesty International ha scelto per festeggiare i suoi 40 anni in Italia.

Arriva da un’intensa attività live tra opening act di Tricarico e il sold-out all’Auditorium Parco della Musica ed ha al suo attivo diversi riconoscimenti importanti tra cui il Premio Lunezia e il Premio Donida.

Il suo precedente album, POP THERAPY, prodotto da Luca Mattioni, è stato nella top10 di vendite della Fimi e tutti e 4 i singoli estratti sono stati in top10 generale di iTunes. “Come scemi” è forse il suo pezzo più noto perché fu scelto dalla Maxibon per la sua campagna estiva del 2014. Il singolo  “Selvaggia Lucareli” invece ha superato il milione di views su Youtube e i 500mila streaming su Spotify.

Il nuovo lavoro, “Peso Piuma”, contiene “E’ finita la crisi” che inneggia ad un paese sempre pronto a cambiare… a parole. E’ prodotto da Parola Cantata, l’etichetta di Mauro Ermanno Giovanardi dei La Crus insieme a Lele Battista e Leziero Rescigno degli Amor Fou.Il nuovo tour invernale, partito a Piobbico nella Marche, è in corso e si chiuderà il 25 maggio 2018 all’Auditorium Parco della Musica.




APOLIDI – Identità non disperse – Dal 4 al 6 maggio 2018 Fabbrica del Vapore – Spazio The Art Land, lotto 10 – Milano

Apolidi | Identità non disperse

Direzione artistica a cura di Antonietta Campilongo

 

Venerdì 4 maggio 2018 alle ore 17.30 si inaugura, presso la Fabbrica del Vapore – Spazio The Art Land – lotto 10 a Milano, la mostra dal titolo: Apolidi | Identità non disperse.

La mostra con la direzione artistica di Antonietta Campilongo, testi in catalogo di Barbara Martusciello è promossa dall’Associazione Neworld, Nwart, con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e MigrArti – Nell’ambito del progetto Spazi al Talento presso la Fabbrica del Vapore a Milano –Catalogo in sede.

Aree multidisciplinari: Arti visive, performance.

Apolidi \ Identità non disperse

“Vivo sempre nel presente. Non conosco il futuro. Non ho più il passato.
L’uno mi pesa come la possibilità di tutto, l’altro come la realtà di nulla.
Non ho speranze né nostalgie.
Bernardo Soares

Il tema delle migrazioni, in tutte le sue diverse declinazioni, sarà al centro della mostra Apolidi.
L’esposizione si propone come una forma di narrazione collettiva, in cui s’intersecano vari punti di vista, in grado di restituire voce e dignità alle moltitudini senza volto della contemporaneità.
La mostra intende raccogliere materiali di analisi e di riflessione su un tema di grande attualità.
Essa è aperta a contributi artistici che affrontino problemi legati all’etica, alla definizione dell’identità culturale e ai rapporti fra le culture, alle relazioni fra identità culturale alle questioni di genere specificatamente connesse all’interculturalità, allo sviluppo del dialogo interculturale e interreligioso.
L’arte registra e indaga il declino del mondo e le infinite trasformazioni di un sistema economico e simbolico, e mette in scena, in modi infiniti, una possibile riflessione sulla storia attuale, compresi i suoi orrori sulla solitudine di massa, sulla fragilità dell’uomo, sull’imperfezione della vita, sul desiderio di vivere. Sa parlare al nostro spirito oltre le barriere di lingua, tempo, cultura. Inoltre, unisce origini e storie di luoghi e nazioni, crea un itinerario ideale confrontando identità culturali, amori e passioni che si manifestano nell’espressione artistica, oltre ogni limite e confine geografico
La scelta di intervenire nel dibattito di sensibilizzazione sui temi dell’immigrazione viene dall’analisi dell’ampio spettro di contenuti che abbiamo affrontato e che affronteremo in futuro, siamo convinti che un’azione artistica possa contribuire ad accrescere la conoscenza e la consapevolezza di questa emergenza, da affrontare a livello di una presa di coscienza globale.

Artisti:
Valentina Addabbo & Gerardo Rosato, Antonio Agresti, Karmil Cardone, Antonella Catini, Federica Cecchi, Daniela Foschi, Ignazio Fresu, Antonella Graziano, Ombretta Iardino, Valentina Lo Faro, Fabio Patronelli, Adriana Pignataro, Parlind Prelashi, Eugenio Rattà, Stefania Scala, Vincenza Spiridione, Carmelo Tommasini, Annamaria Volpe, Lisa Yachia, Emre Yusufi, Grace Zanotto.
Per la gentile concessione di Jacopo Fo e la disponibilità della Galleria TouchArt, in mostra un’opera di Dario Fo

Performance:
artisti&innocenti –
Movimento non perdono-
Odette Di Maio, cantautrice.

Reading
Roberto Malini, poeta e difensore dei diritti umani

PROGRAMMA
4/5/6 maggio 2018

Venerdì 4 maggio
ore 11.00 – Conferenza stampa
ore 17.30 – Opening fino alle 22.30
ore 18.00 – Infinity pool Performance Odette Di Maio, cantautrice
ore 19.00 – Performance Cadavere Squisito La Tratta e il Tratteggio Performance Movimento non Perdono
ore 19.00 – Reading con Roberto Malini, poeta e difensore dei diritti umani

Sabato 5 maggio
ore 11.00 – 20.00 Opening
ore 18.00 – Dissuasivi Performance degli artisti&Innocenti in collegamento da Roma Indonesia (Asia)

Domenica 6 maggio
ore 11.00 – 19.00 – Opening

INFO

Titolo: Apolidi \ Identità non disperse
A cura di: Antonietta Campilongo
Testi in catalogo: Barbara Martusciello
Catalogo: in sede
Luogo: Fabbrica del Vapore – spazio The Art Land – lotto 10 – Via G.C. Procaccini 4 – 20154 Milano
Ingresso libero
Durata: Dal 4 al 6 maggio 2018
Inaugurazione: venerdì 4 maggio ore 17.30 – 22.00
Orari di apertura: Venerdì ore 11.00 22.00 – Sabato ore 11.00 – 20.00 – Domenica ore 11.00 – 19.00
Progetto: Associazione Neworld
Organizzazione: Associazione Neworld – ecologia e sociale – NWart
Patrocinio: Del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e MigrArti – Nell’ambito del progetto Spazi al Talento Fabbrica del Vapore Comune di Milano.


@Press Office: Lara Ferrara Comunicazione

T. 347 8812239

laraferrara@outlook.it

Neworld – Nwartwww.antoniettacampilongo.it
arte@antoniettacampilongo.itanto.camp@fastwebnet.itT. 339 4394399