Lo Spiraglio 2021
Home Animali Jane Goodall: “Non starò zitta! Morirò combattendo”

Jane Goodall: “Non starò zitta! Morirò combattendo”

Jane Goodall: “Non lascerò che soggetti come Trump e Bolsonaro mi facciano stare zitta. Morirò combattendo”
Jane Goodall, ricercatrice britannica pioniera dell’attivismo ambientale che visse tra i primati, attualmente sempre in prima linea contro i cambiamenti climatici, parla dell’impatto e della crisi covid-19 e della necessità di rispettare la natura.
A causa della crisi sanitaria dovuta al covid-19, Jane Goodall (Londra, 1934) torna alle sue radici. Primatologa e attivista “nomade”, usava viaggiare trecento giorni all’anno per tenere lezioni e dare seguito ai progetti che l’Institute(IJG) sviluppava poi in tutto il mondo. All’età di 86 anni ha rallentato questo ritmo frenetico per ritornare a Bournemouth, città nel sud dell’Inghilterra, dove la sua famiglia si trasferì nel 1940.
“Questa è la casa in cui sono cresciuta con mia sorella, mia figlia, il suo fidanzato. e due nipoti, e talvolta anche mio figlio. All’inizio ho pensato che questa pausa vitale sarebbe stata per me inutile ma poi ripreso a lavorare per trasmettere messaggi all’estero in qualsiasi formato, conferenze, Skype, Zoom… Una sorta di recuperaro o meglio riorganizzazione dei miei cinquant’anni di studio e ricerca. Insomma mi fa stare bene.”
Così si racconta in un video via Skype Jane, capelli bianchi raccolti nella sua caratteristica coda di cavallo, da dietro una biblioteca con foto di famiglia e animali, disegni e molti libri, tra i quali si distingue un’edizione vetusta e gestita di” Tarzan delle scimmie”, un’opera che, sottolinea, decise il suo destino.
Ma ha Jane non bastava più passeggiare tranquillamente lungo le scogliere con il suo levriero Bean.
La vita della dottoressa Goodall è sempre stata tutt’altro che tranquilla: all’età di ventisei anni, è partita per l’Africa a studiare gli scimpanzé, vivendo tra loro.
Basti pensare che all’università di Cambridge hanno accettato di seguire il suo dottorato dopo aver appreso del suo lavoro sul campo.
Nel 1986 ha contribuito a organizzare una conferenza a Chicago e ha fatto il passo verso l’attivismo. Da allora, è diventata un’icona della difesa degli animali e della lotta ambientale. Jane dice che tutto gli è accaduto tutto in modo naturale e che non c’è riposo, perché c’è ancora molto da fare.
Domanda: Cosa ti ha fatto interessare al mondo animale?
Risposta:
Sono nata amando gli animali con una madre che mi ha sempre supportato molto, non si è mai arrabbiata quando ha trovato vermi in casa e cose del genere. Sono cresciuta in un mondo in cui non c’era la televisione, solo libri, quindi ho letto molto; Ho adorato il dottor Dolittle per come salvava gli animali dal circo e li ha riportava in Africa. Quando avevo 10 anni ho scoperto “Tarzan delle scimmie” e mi sono innamorai di questo potente signore della giungla. Così sognavo che da grande avrei viaggiato per vivere con gli animali selvaggi e scrivere su di loro. Mia madre mi ha sempre sostenuto in questo sogno, anche quando il resto del mondo rideva di me, perché non c’erano soldi e nessuno faceva cose del genere ai tempi. Ma il mio sogno alla fine a vinto. Fui invitata da un ex compagno di liceo ad andare in Kenya e lì inizia a lavorare come cameriera per risparmiare denaro.
Non ero andata all’università perché non me lo potevo permettere e la fortuna volle che conobbi il Dr. Louis Leakey, il quale mi diede l’incredibile opportunità di andare a vivere circondata da quel animale che più somiglia a noi umani, il gorilla. È così iniziò tutto.
D: Hai trovato mai del sessismo nella società e nel campo scientifico ?
R: No, perché, in primo luogo, nessun altro stava facendo quello che stavo facendo e, in secondo luogo, non ero stata all’università. Louis Leakey preferiva qualcuno che non aveva avuto la mente traboccante ma che fosse un osservato non “corrotto”, da agenti esterni, degli animali. Credeva che una donna a terra sarebbe stata migliore, più paziente. Quindi essere una donna, in realtà, mi ha aiutato molto. Insieme a tutto ciò, la Tanzania stava iniziando a essere indipendente, e c’era ancora un po ‘di risentimento contro gli uomini bianchi a causa del colonialismo.
D: È continuato per tutta la tua carriera?
R: Quando finalmente sono andata a studiare a Cambridge, perché Leakey mi incoraggiò a laurearmi, molti insegnanti fecero di tutto per distogliermi dal mio 8ncarico in Africa. Era una scienziata che sapeva parlare di personalità, mente, emozione, erano doti esclusive per gli essere umani maschi.
Così quando il “National Geographic” inviò Hugo van Lawick a registrare e fotografare il mio lavoro con gli scimpanzé, si dovettero ricredere ed iniziare a pensare in modo diverso cioè ammettere che noi umani non siamo gli unici esseri con personalità, cervello ed emozioni. Quando uscì il primo documentario nel 1963, c’erano molti scienziati che dicevano: “Perché dobbiamo ascoltare Jane? È solo una ragazza, senza una laurea, che ha ottenuto il sostegno del National Geographic perché ha delle belle gambe … ”. Non mi importava, volevo solo tornare a Gombe ed imparare di più sugli scimpanzé. Guardando indietro, penso di essere stata fortunato ad avere belle gambe; se mi hanno aiutato, non lo so, ma grazie, gambe!
D: Come è stata la tua trasformazione da scienziato ad attivista?
R: Dopo il dottorato sono tornata a Gombe per creare una stazione di ricerca. Sono stati i giorni più belli della mia vita: trascorrevo tutto il giorno nella giungla, rendendomi conto che tutto era interconnesso. Pensavo di poter continuare a farlo per il resto della mia vita, ma nel 1986 ho aiutato a organizzare una conferenza a Chicago con la partecipazione di altri sei scienziati sul campo che hanno lavorato in diverse regioni dell’Africa. Per la prima volta abbiamo raccolto le nostre ricerche, lo scopo principale era vedere come il comportamento degli scimpanzé variava da un luogo all’altro e cosa rimaneva lo stesso. Abbiamo avuto una sessione assolutamente impressionante: il numero di scimpanzé stava diminuendo , le foreste stavano scomparendo … C’era un’altra esposizione riguardo alle condizioni in alcune situazioni di cattività: la cosa peggiore era vedere scimpanzé, i nostri parenti più stretti, nei laboratori di ricerca medica, dove erano in gabbie da 1,5 metri. Esseri sociali rimasti soli, dietro le sbarre di ferro. Non riuscì più a dormire dopo aver visto lo stato terribile in cui venivano lasciati. Così sono passata da scienziata ad attivista. Senza pensarci nemmeno, non dovevo prendere una decisione, era qualcosa che dovevo fare.
D: Cosa pensi dei nuovi attivisti, come Greta Thunberg e la sua lotta contro i cambiamenti climatici, o il principe Harry e il suo sostegno all’IJG?
R: Nel 1991 creai un programma per giovani, chiamato Roots & Shoots (“radici e germogli”), che è attualmente ancora attivo e presente in ben 86 paesi nel mondo. Questi giovani stanno intervenendo, protestando, alcuni uniti alle marce di Greta … Ma soprattutto, scelgono progetti come piantare alberi, raccogliere rifiuti o coltivare alimenti biologici, raccogliere fondi per aiutare a proteggere le foreste … Questi sono i giovani che vedo oggi e che mi danno maggiore speranza per il futuro, i giovani che sono veramente là fuori, e ci dedicato anima e cuore e questo fa la differenza.
D: Ti piacerebbe coinvolgere il principe Harry o Greta Thunberg in uno dei tuoi progetti?
R: Chiunque voglia supportarci è il benvenuto. “Roots & Shoots” parte da una posizione non conflittuale, non puntiamo il dito accusatore contro nessuno, raccontiamo storie per arrivare al cuore. Perché se un giovane si avvicina a un ministro e inizia a dirgli “Devi fare questo e quello”, probabilmente non lo sentirà, o forse lo sentirà, ma non farà nulla. Ma se riusciamo ad arrivare ai loro cuori, le persone cambieranno sicuramente. È così che abbiamo vinto anche la lotta contro l’ uso di scimpanzé nella ricerca medica.
D: Con il potere della gentilezza quindi?
R: Sì, il non confronto è il metodo. Se vuoi che una persona molto importante cambi qualcosa, devi fargli credere che è una sua scelta.
D: Hai mai associato covid-19 a una mancanza di rispetto per la natura?
R: Stiamo deforestando il mondo a grande velocità e le aree con una grande biodiversità stanno scomparendo. Mentre distruggiamo le foreste, gli animali entrano in contatto con specie con cui normalmente non interagirebbero mai e alcuni virus e batteri saltano l’uno dall’altro. Passano da una specie in cui probabilmente sono stati per secoli senza danneggiare nessuno, e quando raggiungono un altro animale, appare una nuova mutazione del virus … Di solito è un animale che è stato infettato, che diventa il serbatoio del virus. E gli animali sono costretti a vivere più vicino alle persone, perché stanno perdendo la loro terra, quindi questi virus possono passare agli umani. Il problema non è solo non rispettare l’ambiente, ma non rispettare gli animali: li cacciamo, li uccidiamo, li mangiamo,li traffichiamo. Molti finiscono nei mercati di animali vivi in ​​Asia, dove queste diverse specie si trovano insieme in situazioni stressanti e poco igieniche, perché di solito vengono uccise nello stesso posto e in questo modo l’acquirente e il venditore possono essere infettati da uno di questi virus. Crediamo che il covid-19 si iniziato in un mercato di Wuhan ; La SARS è apparsa in un altro di questi mercati della carne, sempre in Cina; l’epidemia di HIV-AIDS emerse in un mercato di carne di animali selvatici in Africa, dove gli scimpanzé venivano cacciati e uccisi per essere venduti come cibo; ora c’è una malattia chiamata MERS , la cui infezione è causata dal contatto con un dromedario addomesticato, e inoltre ci sono diverse malattie che sono passate agli umani attraverso gli animali delle nostre fattorie agricole e negli allevamenti intensivi, che sono un vero incubo.
D: Dovremmo cambiare il modo in cui mangiamo?
R: Dobbiamo cambiare il modo in cui ci nutriamo e soprattutto il modo in cui trattiamo gli animali. È molto importante rendersi conto che ogni animale ha una personalità. Se li studi, dai loro un nome perché ognuno è diverso dagli altri. I maiali sono intelligenti come i cani, forse anche di più. Metti un motore di ricerca su Internet “Pigcasso” , non Picasso, l’artista, e quello che vedrai è incredibile. Tutti questi animali in queste condizioni orribili hanno sentimenti, possono provare paura, dolore e disperazione. Non possiamo pensarli come una massa senza emozioni.
D: Come conseguenza di questa crisi di coronavirus, cambierà il modo in cui consumiamo ?
R: Sto facendo tutto il possibile per aumentare la consapevolezza di ciò. Ad ogni conferenza, e ne faccio molte ogni giorno, parlo del fatto che causiamo noi stessi questa pandemia, cerco di aiutare le persone a pensare agli animali.
D: Hai appena presentato il documentario “A Esperança” e stai preparando “The Book of Hope”. Perché questo concetto è così importante?
R: Perché se non mantieni la speranza, se senti che nulla mai cambierà le cose, nulla cambierà
Non bisogna arrendersi ma preoccuparsi per le generazioni future, almeno provare. Non permetterò mai che esseri come Donald Trump o Bolsonaro mi colpiscano e mi zittiscano. Mi rialzerò di nuovo. Morirò combattendo, perché è l’unica cosa che posso fare. Come facciamo con il nostro progetto “Roots & Shoots” in Africa per migliorare la vita delle donne e le persone che vivono in povertà , perché se sei veramente povero distruggerai l’ultimo albero, catturerai l’ultimo pesce e sparerai all’ultimo scimpanzé solo per sopravvivere. Se noi aiutiamo a trovare modi per sopravvivere diversi dalla distruzione dell’ambiente, le foreste che sono scomparse torneranno e ci saranno più speranze, molti animali sull’orlo dell’estinzione avranno una nuova possibilità. Ad esempio questo è quello che è successo con le lince in Spagna, attuando anche lì il nostro programma di tutela e conservazione dell’ambiente, il suo numero è aumentato notevolmente. Si è salvato dall’estinzione.

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti