Lo Spiraglio 2021
Home Musica Silfur, l'album di debutto di Dustin O'Halloran

Silfur, l’album di debutto di Dustin O’Halloran

“Silfur è un'esplorazione della musica del mio passato e di come si riflette ora nel presente. Evocare immagini di diversi momenti, luoghi e periodi della mia vita e riscoprire i pezzi che sono rimasti con me. A volte possiamo capire noi stessi solo guardando indietro e, si spera, trovando il filo di chi siamo adesso e di chi siamo sempre stati ". Dustin O’Halloran

Il compositore e pianista Dustin O’Halloran, candidato al Premio Oscar®, pubblicherà l’11 giugno Silfur, il suo album di debutto su Deutsche Grammophon (CD, vinile, digitale). Questa nuova incisione di quindici pezzi distilla ed espande i concetti del compositore di tempo, passato e presente, percepiti attraverso la musica. Comprende due nuove opere – “Opus 56” per pianoforte solo e “Constellation No. 2” per pianoforte, violoncello ed elettronica – oltre a nuove registrazioni di una selezione di brani dagli album solisti di O’Halloran, inclusi quattro nuovi arrangiamenti per archi. Il primo assaggio di Silfur è stato rivelato oggi con l’uscita di “Opus 18” come singolo, insieme a un bellissimo video girato nella chiesa di Fríkirkjan di Reykjavík dal regista Blair Alexander.Dustin O'Halloran

Dustin O’Halloran ha lavorato a Silfur durante il lockdown in Islanda, dove normalmente trascorre parte dell’anno. Impossibilitato a tornare nella sua casa di Los Angeles, ha tratto ispirazione dall’isolamento e dall’atmosfera unica dell’Islanda, rivisitando i lavori di quattro album solisti e perfezionandoli attraverso la sua esperienza islandese. Alla prima sessione di registrazione di questo album gli è stato regalato il silfurberg (“roccia d’argento”), un cristallo islandese nativo, che ha ispirato il suo titolo. “Quando la luce entra”, spiega O’Halloran, “si riflette in due prospettive. Ho sentito che era quello che stavo facendo nel realizzare questo disco. E sento che il posto in cui ti trovi ha sempre una risonanza – in qualche modo arriva attraverso la musica “.

Ho convissuto con questi pezzi per molti anni e di tanto in tanto mi sono esibito o ci sono tornato sopra“, spiega O’Halloran. “Quando Christian Badzura della Deutsche Grammophon mi ha chiesto se volevo registrarli di nuovo, non ero sicuro di voler tornare indietro. Ma ho pensato che questa fosse un’opportunità per dare loro più di ciò che intendevo. Questa è stata un’opportunità per cercare di finalizzarli in modo da poterli completarli definitivamente, perché c’erano elementi che desideravo capire se potevo catturare. Mentre sperimentavo la musica in nuove modalità avevo la sensazione di viaggiare indietro nel tempo, nel mio passato. È veramente speciale poter catturare il tempo in questo modo. E penso che sia quasi l’essenza della musica: catturare il tempo. Sta catturando un momento, che possiamo rivivere in seguito. ”

Nelle composizioni di O’Halloran risuonano echi provenienti da J.S. Bach, Chopin e Debussy ad Arvo Pärt ed Erik Satie. La sua estetica personale, elegante e sobria, esalta le sottili sfumature dell’emozione con acuta consapevolezza.

Oltre a eseguire dieci brani come solista, in questo progetto O’Halloran è affiancato da amici e collaboratori. Il compositore Bryan Senti è presente nel nuovo arrangiamento di “Opus 55” suonando il violino. Il Siggi String Quartet si unisce a “Opus 28” e “Opus 37” e contribuisce anche a una nuova versione di “Opus 17” per archi mentre il compositore e violoncellista Gyða Valtýsdóttir è presente in “Constellation No. 2”.

O’Halloran, cresciuto tra le Hawaii e Los Angeles, si è accostatol pianoforte da autodidatta all’età di sette anni. Durante gli anni trascorsi all’istituto d’arte di Santa Monica ha formato un duo con la cantante Sara Lov. La loro collaborazione si è evoluta nella band indie rock Dēvics e ha portato O’Halloran a trasferirsi in Italia, dove la sua carriera musicale come pianista si è consolidata. I suoi primi album da solista, due volumi di Piano Solos (2004, 2006), sono stati seguiti da Vorleben nel 2010 e Lumiere nel 2011.

Ha raggiunto un ampio pubblico con la sua musica per il cinema e la televisione, comprese le colonne sonore per Marie Antoinette (2006) di Sofia Coppola; Like Crazy (2011) di Drake Doremus, vincitore del Gran Premio della Giuria al Sundance; la sua colonna sonora vincitrice di un Emmy Award per lo spettacolo statunitense Transparent (2014-17); e la colonna sonora di The Hate U Give (2018) di George Tillman Jr.

La sua prima collaborazione come colonna sonora con il pianista e compositore tedesco Volker Bertelmann per il film Lion (2016) ha ricevuto la nomination per il Premio Oscar, un BAFTA, un Golden Globe e un Critics Choice Award. Recentemente hanno unito nuovamente le forze per comporre la musica originale per il dramma romantico di Francis Lee, Ammonite (2020), e la loro colonna sonora ha nuovamente ricevuto la nomination per il Premio Oscar di quest’anno.

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti