Segnala un evento
Home Cultura&Spettacolo Il Margutta: "Fragile – Handle with care", la natura fotografata da Barbara...

Il Margutta: “Fragile – Handle with care”, la natura fotografata da Barbara Dall’Angelo

Da giovedì 13 maggio, sino a domenica 26 settembre, l'esposizione "Fragile - Handle with care", ideata e organizzata da Barbara Dall'Angelo e Tina Vannini, curata da Giulia Coccia, visitabile presso il ristorante vegetariano Il Margutta Veggy Food & Art

LA MOSTRA – Ospitata presso il ristorante Il Margutta Veggy Food & Art, in via Margutta 118 a Roma, la mostra di Barbara Dall’Angelo è un omaggio all’amore per la Terra e alla bellezza della Natura.

Con l’esposizione “Fragile – Handle with care”, ideata e organizzata da Barbara Dall’Angelo e Tina Vannini, curata da Giulia Coccia, si potranno ammirare circa trenta fotografie, che avranno tre differenti formati e due modalità di stampa da giovedì 13 maggio sino a domenica 26 settembre.

Non sono semplici scatti fotografici, ma straordinarie opere d’arte capaci di trasformare la realtà in incanto, la quotidianità in eternità.

Ospitare nelle sale del Margutta questi magnifici scatti ha un valore indescrivibile e rende questa mostra densa di significato e di bellezza – annuncia la titolare del ristorante vegetariano Tina Vannini – Emozioni purissime, che hanno catturato la mia anima, facendomi capire ancor di più che, per quanto la natura sia delicata e fragile, davanti a mutamenti e squilibri, la sua potenza vitale rende noi esseri umani i più vulnerabili. Sono convinta che ogni visitatore sarà sollecitato a riflettere sulla necessità di proteggere l’ambiente, così da preservarne la “vita”, in tutte le sue forme”.

Barbara-Dall'Angelo
Si potranno ammirare circa trenta fotografie, che avranno tre differenti formati e due differenti modalità di stampa.
Ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 fino a chiusura.

LE OPERE IN MOSTRA – La caratteristica principale di Barbara Dall’Angelo è la ricerca dell’attimo perfetto: la sua minuziosa attenzione per la luce e per il movimento l’hanno portata a collaborare con National Geografic Italia e a realizzare mostre individuali e collettive in tutto il mondo, con riconoscimenti a livello nazionale e internazionale. Le sue opere raccontano contemporaneamente la forza prorompente della vita e la sua delicatezza, la magia dell’ordinarietà e la potenza del tempo.

L’immagine simbolo – spiega Barbara Dall’Angelo – che abbiamo scelto per la mostra è la danza dell’amore delle gru della Manciuria, scattata in un gelido febbraio ad Hokkaido: uccelli candidi e leggiadri, a rischio di estinzione. In mostra si alterneranno fotografie poetiche ad altre più drammatiche, ma non saranno presenti scatti di denuncia esplicita: l’allarme, quello che può cambiare le cose, nelle mie fotografie vuole nascere dalle considerazioni del singolo e dal suo rapportarsi a ciò che lo circonda”.

Nelle fotografie di Barbara Dall’Angelo la natura è la padrona assoluta del campo visivo. L’occhio della fotografa immortala ciò che le si presenta davanti senza interferire, cogliendo sfumature e luci di quell’attimo perfetto.

Ogni immagine racchiude un nucleo di sfumature che spaziano dalla delicata grazia alla prorompente energia – racconta la curatrice Giulia CocciaE’ difficile – se non impossibile- condensare la complessità del mondo naturale in un singolo scatto, per questo la fotografa si avvicina a soggetti più disparati con lo stesso rinnovato interesse e rispettoso stupore. Dalle immagini traspare l’amore per le molteplici forme e contenuti che solo la Natura è in grado di creare, e che l’Uomo può contemplare”.Barbara-Dall'Angelo

Non possiamo guardare gli scatti di Barbara Dall’Angelo – prosegue Giulia Coccia – senza provare in fondo un senso di inadeguatezza di fronte a tanta bellezza ed innocenza. Tuttavia le immagini hanno lo scopo di ricondurci a quell’antico sentimento di appartenenza e fusione con il mondo da cui siamo stati originati. E’ arrivato il momento di ricordarci che siamo noi oggetto della creazione della Natura, e non viceversa, e che il nostro rapporto con essa deve essere attivamente fondato sul rispetto, la gratitudine e l’impegno alla sua sopravvivenza”.

Barbara-Dall'Angelo

 

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti