“Steve Jobs”: esce oggi la biografia di Walter Isaacson

image_pdfimage_print

di Marco Milano

Steve Jobs. E’ sufficiente il nome per aprire il racconto di 800 pagine di una vita piena di successi, controversa e rivoluzionaria : esce oggi negli Stati Uniti la biografia firmata da Walter Isaacson, dopo le indiscrezioni e anticipazioni circolate gli ultimi giorni. I dettagli della sua vita professionale, innanzitutto, di cui tutto il mondo è stato spettatore, sintetizzate con le presentazioni-spettacolo sul palco di Cupertino, in California. La guerra con Google, per dirne una, a colpi di minacce per lo ‘scippo’ delle idee Apple – nervo scoperto dell’orgoglio di innovatore di Jobs: “Distruggerò Android perché è un prodotto rubato. Farò una guerra termonucleare su questo”. Fino  alla Apple che verrà, le ultime visioni e progetti affidate a chi dovrà assumersi la responsabilità della pesante eredità di immagine, Tim Cook in testa: l’IPhone 5, che dovrebbe uscire tra un anno, o la Apple TV  ‘definitiva’ – “Vorrei che potesse essere sincronizzato con tutti i device e con iCloud, eliminando così telecomandi, cavi e lettori dvd”.

E poi i rapporti difficili con le donne, i retroscena delle vicende che lo videro allontanarsi dalla Apple nel 1985 per via di manager dai “valori corrotti”. Il nome Apple? Una scelta fatta durante una dieta fruttariana, secondo il libro di Isaacson, anche se in passato Steve Jobs non ha negato la sua  devozione ai Beatles, al loro modo di pensare la musica e alla casa di produzione omonima “Il mio modello di business sono I Beatles: Erano quattro ragazzi che cavalcavano le tendenze degli altri ed erano bilanciati tra loro. Grandi cose nel mondo degli affari non sono fatte mai da una sola persona”. E infine l’ultima stagione della sua vita, affidata alla speranza di cure cosiddette naturali, evitando di eliminare chirurgicamente il tumore al pancreas che ha segnato la fine del ThinkDifferent Man.

A Isascson -59enne già presidente di CNN, direttore generale di Time e famoso biografo americano – Jobs avrebbe spiegato di desiderare una biografia per lasciare ai suoi figli un racconto e un ricordo esaustivo della sua vita: “Volevo che i miei ragazzi mi conoscessero. Non ci sono stato sempre, per loro: volevo che sapessero perché e che capissero cosa ho fatto”.

“Steve Jobs” di Ealter Isaacson, Hardcover, è disponibile anche su Amazon.it nella traduzione italiana

 

Redazione

Redazione

Tutto si integra nell’eterno ritorno: ciò lo sanno gli umoristi, i santi e gli innocenti. -Pier Paolo Pasolini

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *