Ritorna “The Day of the Summer Fashion and Art” il Gran Gala di moda, arte e solidarietà della stilista Eleonora Altamore.

Il 22 giugno 2019 avrà luogo presso l’incantevole “Dimora L’Amore è…” a Roma, la quinta edizione del Gran Gala estivo “TheDay of the Summer Fashion and Art”.

Il progetto è ideato e curato nella direzione artistica dalla stilista Eleonora Altamore, che ne ha studiato con minuzia tutti i dettagli. Con il suo stile originale e raffinato ha realizzato una perfetta alchimia tra moda, arte e solidarietà.

La nota couturier, che ha conseguito il diploma di Laurea in Fashion Designer presso lo IED, Istituto Europeo di Design di Roma, ha alle spalle una lunga e luminosa carriera che l’ha portata a farsi conoscere e apprezzare non solo in Italia ma anche all’estero, presentando le sue creazioni a Parigi, New York, Praga e Malta. Molto attenta ai particolari, le sue collezioni sono arricchite da singolari e innovativi accessori, sia bijoux che borse di rara fattezza che completano l’outfit per una donna sofisticata e con quel giusto tocco di eccentricità che ne rafforza la personalità e l’eleganza. Lo stile è sensuale, moderno, con un mood che guarda al passato, al presente e al futuro. Il brand Altamore haute couture è disegnato per ogni donna che voglia distinguersi, che abbia carattere, indipendente, sognatrice e romantica, che non perda mai di vista la sua femminilità.

“The Day of The Summer Fashion and Art 2019” non è solo moda ma anche arte, tanto amata dalla stilista, e solidarietà, alla quale la designer dedica da sempre grande attenzione.

Il quadro moda sarà rappresentato dalla sfilata della collezione d’alta moda della stilista Eleonora Altamore dal titolo “La Donna nel Tempo”, in cui attraverso i suoi abiti farà ripercorrere tutta la nostra storia attraverso le donne più significative delle diverse epoche, partendo dalla Preistoria con la nota Lucy rinvenuta in Africa; la donna mitologica della civiltà Sumera la Dea dell’Amore; la Dea egizia Iside protettrice della famiglia; la Dea dei serpenti della civiltà Minoica simbolo di fertilità e saggezza; l’elegante Larthia Seianti, nobildonna della civiltà Etrusca; l’Imperatrice Messalina dell’Impero romano; l’Imperatrice Teodora dell’Impero bizantino; Beatrice Portinari dell’epoca medioevale e musa ispiratrice di Dante nella Divina Commedia; Lucrezia Borgia per l’epoca rinascimentale; Madame Pompadour per l’epoca barocca; Paolina Bonaparte e il Neoclassicismo, con una creazione ispirata alla Nike di Samotracia; Madame De Stael, fervente scrittrice esponente del romanticismo europeo; Sara Bernhardt, attrice di film muti dell’epoca Art Nouveau; il Futurismo, rappresentato dalla poetessa e danzatrice Valentine De Saint-Pont, tra le prime donne in prima linea; l’attrice drammatica Lyda Borelli, che incarna gli ideali dell’Art Déco; nel Novecento nei primi anni ’20 l’attrice Greta Garbo, un’icona di bellezza androgina; gli anni ’50 consacrano la spiccata sensualità di Ava Gardner; gli anni ’60 incisivi con un canone di bellezza dai tratti nordici con la accattivante e statuaria Anita Ekberg; i rivoluzionari anni ’70 si identificano nel costume femminile con i “figli dei fiori” e l’icona leggendaria la modella Twiggy; gli anni ’80, con la ribelle e provocatrice Madonna che impone uno stile trasgressivo e irriverente; il 2000, nuovo millennio, chiude il ciclo de “La Donna nel Tempo” con Sharon Stone, un’altra icona femminile che rappresenta la donna in carriera, forte, sensuale e sicura; il terzo millennio, il futuro… si proietta attraverso una donna eccezionale, l’astronauta Samantha Cristoforetti.

Questa lunga sequenza, tutta al femminile, si conclude nel grande grembo che ha permesso di generare ed accogliere tutte queste straordinarie donne nel corso dei millenni attraverso le mutazioni genetiche, ambientali, geografiche e culturali… lei, la nostra grande Madre Terra.

Una collezione, dunque, che si ispira alle grandi donne che hanno simboleggiato tutti questi percorsi storici, includendo anche delle creazioni ispirate ad alcune opere liriche: “La Cavalleria rusticana”, “Lola e Santuzza”, la trilogia popolare di Verdi: “Traviata”, “Trovatore” e “Rigoletto”, mettendo in luce le donne soprano più talentuose: Rosina Penco, Maria Callas, Katia Ricciarelli e Tamaki Miura.

Testimonial d’eccezione sarà Oksana Vovk, Miss America 2017.

Per l’arte sarà presente Patrizia Dalla Valle con le sue creazioni dal titolo “Ricordare il tempo” che verranno esposte a bordo piscina, dove si svolgerà tutto l’evento, e anche all’interno nell’adiacente show room, allestito per poter far ammirare agli ospiti tutte le opere dell’artista.

La mostra personale dell’artista Patrizia Dalla Valle si ispira ai diversi periodi della cultura occidentale, dalle fasi iniziali a quelle attuali. Il progetto, avvalorato da un ricco e pregevole corpus di opere bi- e tridimensionali dedicate ai più importanti periodi storici della nostra civiltà, si coniuga con quello ideato dalla stilista Eleonora Altamore, dedicato a “La Donna nel Tempo”. Con un mirabile linguaggio simbolico, le creazioni musive rievocano le principali attestazioni culturali che, lungo i secoli e i millenni, scorrono dalle prime testimonianze, risalenti al Paleolitico Superiore, a quelle più recenti, relative al XX secolo. Le opere, talora di considerevoli dimensioni, seguono un “filo rosso” continuo, esplicativo delle nostre radici e del loro sviluppo. Da memorie preistoriche a realtà storiche, le creazioni rammentano civiltà di sommo spessore, spaziando, in particolare, dalla Mesopotamia e dall’Egitto alla Grecia e a Roma, dal Medioevo e dal Rinascimento al Barocco e al Neoclassicismo, dal Romanticismo e dall’Impressionismo all’Art Nouveau e all’Art Déco. Si perviene, così, al Novecento e alle soglie del Terzo Millennio con opere di assoluta attualità lessicale, consonante con astrazione e figurazione.

Patrizia Dalla Valle è mosaicista e scultrice, da sempre affascinata dall’arte bizantina e ravennate, la sua creatività la induce ad un linguaggio prevalentemente astratto, evocante dimensioni metafisiche, che le permette di colloquiare di passato e presente in proiezione futura. Ne emerge la modernità di un linguaggio che, per le sue affermate valenze storiche e per le sue intrinseche capacità operative, risulta consono con le esigenze artistiche della nostra contemporaneità. La sua formazione risale alla frequentazione degli studi dei maestri Vittorio Bulgarelli e Paolo Racagni, ma ben presto si consolida in un’originale ed autonoma ricerca tecnica e progettuale. L’indole di Patrizia Dalla Valle, infatti, è caratterizzata da una spiccata urgenza alla sperimentazione costante su materiali e lessici iconografici, derivante anche dai suoi studi universitari, completati con laurea in discipline scientifiche all’Università degli Studi di Bologna.

L’arte di Patrizia Dalla Valle, analizzata in interventi critici e documentata in cataloghi esegetici, è attestata in opere conservate in collezioni pubbliche e private. Nel 2017 l’artista è stata invitata alla 57^ Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia nel Padiglione della Repubblica Araba Siriana. La nota artista ha partecipato a svariati eventi artistico-culturali, nel 2016 le è stato assegnato il prestigioso Premio “Olmo” per l’arte. Nel tempo ha realizzato i seguenti progetti tematici: Interno bizantino, Tagli dal tempo – suddiviso in Tracce, Sedimenti, Fenditure, Ovuli, Macro, Correlazioni, Impressioni, Lacerti, 3 A: Arte Amicizia Amore, Oltre, Oltre Macro, Palmira, Oltre Bisanzio, Collezione artistica universale ed ha all’attivo diverse importanti mostre personali e collettive, sia in Italia che all’estero.

Verrà esposto, come da tradizione, anche “l’abito artistico” creato dall’artista Aida Abdullaeva, con immagini disegnate dal grafic designer Miguel Angel Acosta.

Per quanto riguarda la solidarietà, questa edizione sarà a favore dell’associazione “Donne al Centro” (www.donnealcentro.it) una libera associazione senza scopo di lucro che ha come mission quella di migliorare la vita delle donne, sia nell’ambito professionale che familiare tramite lo sviluppo di strutture sociali, politiche e culturali, con uno sguardo attento per le vittime di violenze e di abusi. Oltre all’attività interna di accoglienza e supporto psicologico e medico/legale l’associazione organizza regolarmente dei progetti e delle iniziative, con finalità di formazione, sensibilizzazione e informazione. Le attività di ascolto ed accoglienza operano tramite il numero: 3917516559, al quale rispondono professionisti pronti a dare aiuto e supporto alle donne vittime di violenza, e in forma anonima, per ogni singolo caso e a seconda delle differenti necessità verrà dato il contatto diretto con un medico, uno psicologo o un legale che fa parte del team dell’associazione. Per quanto riguarda l’attività di consulenza e assistenza medico-legale, per chi avesse necessità, il team di “Donne al Centro” è composto da avvocati, civilisti o penalisti, di provata esperienza. Non mancano convegni ed eventi, attività artistico-culturali per creare, coordinare, allestire e produrre prodotti artistici audiovisivi, spettacoli teatrali, mostre e letture per sensibilizzare l’opinione pubblica, i giovani e le istituzioni. Di importante rilievo anche il progetto scuola che ha come intento quello di sensibilizzare i ragazzi delle scuole superiori ad avere un atteggiamento consapevole e maturo nei confronti dei moltissimi episodi di violenza, in modo da prevenire il fenomeno dilagante della violenza non solo contro le donne, ma anche all’interno del nucleo familiare o ad avere la capacità di individuare eventuali pericoli sui social e all’interno dei gruppi di coetanei.

L’evento sarà presentato dall’attrice di cinema e teatro Patrizia Pellegrino. Avrà inizio con un cocktail di benvenuto a bordo piscina per gli ospiti, a cui seguirà una breve presentazione della Presidente Cristiana Merli dell’Associazione “Donne al Centro”; la presentazione dell’artista Patrizia Dalla Valle da parte del critico d’arte il Prof. Enzo Dall’Ara; la sfilata haute couture di Eleonora Altamore “La Donna nel Tempo”, nel cat walk 20 modelle indosseranno 29 abiti d’ispirazione alle icone di diverse epoche storiche, il make up sarà curato dall’Accademia di Trucco Professionale (www.accademiaditrucco.it) e le acconciature dagli hair stylist “Spettinati” (www.spettinati.it); la visita expo delle opere dell’artista Patrizia Dalla Valle; la cena buffet accompagnata dagli ottimi vini dell’Azienda vitivinicola “Casale del Giglio” (www.casaledelgiglio.it), Azienda dell’Agro Pontino che produce dal 1985; una performance musicale a tema della cantante e attrice Emanuela Mari, accompagnata dalla danzatrice di burlesque Marzia Tangari, in arte Elektra Kiss; la lotteria solidale che metterà in palio alcune preziose creazioni della stilista Eleonora Altamore, delle artiste Patrizia Dalla Valle e Aida Abdullaeva, i cui proventi andranno alla associazione “Donne al Centro”; in finale, introdotta da sfavillanti suggestioni pirotecniche dell’Azienda “Pirofantasy” (www.pirofantasy.it), entrerà la torta artistica, un dolce realizzato ispirandosi a un’opera dell’artista Patrizia Dalla Valle.
La serata continuerà con la musica dal vivo della Tonino Tiberi Band e la disco dance.

All’evento sarà presente un ricco parterre di personaggi del mondo politico, della cultura, dello spettacolo, del cinema, della televisione e giornalisti di varie testate di carta stampata e online.

Main sponsor dell’evento: Ajani, Centro Diagnostico Polispecialistico (www.centrodiagnosticoajani.com.); Media partner: L’Alba del Terzo Millennio di Sara Iannone; Eva Lacertosa riprese e interviste per Odeon Tv.

Lara Ferrara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.