Lo Spiraglio 2021
Home In primo piano Jazz Italiano Live 2016. Pieranunzi European Trio registra alla Casa del Jazz

Jazz Italiano Live 2016. Pieranunzi European Trio registra alla Casa del Jazz

E’ nell’ambito della rassegna Jazz Italiano Live 2016, promossa dall’Editoriale L’Espresso, e che vede esibizioni live di grandi musicisti italiani trasformati in discografia, che si inserisce la splendida performance di ieri sera nella cornice romana della Casa del Jazz. Sul palco un trio d’eccezione, condotto dal versatile pianista, compositore e arrangiatore romano Enrico Pieranunzi ormai noto non solo in Italia, ma nel mondo per le sue svariate esibizioni, collaborazioni e le innumerevoli produzioni discografiche e che ha portato la sua musica sui palcoscenici mondiali, esibendosi nei più importanti festival internazionali.
Un pianista straordinario con una carriera lunga ed estremamente produttiva, ma anche un musicista generoso e attento verso il suo pubblico. Sul palco con lui il prezioso batterista francese Andrè Ceccarelli con il quale Pieranunzi ha lavorato anche in passato e che vanta una carriera storica e collaborazioni con grandi nomi del jazz internazionale come Aretha Franklin, Tina Turner, Dee Dee Bridgewater, Sting, Enrico Rava, Kenny Wheeler e numerosi altri. A completare il trio Jasper Somsen, giovane contrabbassista di origini olandesi.
La serata inizia sulle note di Active choices, inedito brano che verrà riproposto come bis per accontentare un pubblico ancora famelico e continua con alcuni brani in trio, tra cui il noto Come rose dai muri e Valse pour demain e due splendidi piano solo. Si passa dall’energia e dal vigore alla ballad più dolce ed evocativa con una eccellenza che solo un grande Maestro può regalare. Pieranunzi però non si limita a stupirci con il pianoforte, ma “gioca” con la tastiera per riportarci, attraverso suoni lunghi e distorti, alle atmosfere anni ’70, di quando componeva musiche per i film, tra i quali Bianco Rosso e Verdone del 1981 diretto da Carlo Verdone. Verso il temine della performance, un brano inedito a cui inizialmente era stato destinato il titolo Dolce declino al sole, poi forse mutato in The touch of love, titolo che però non ha convinto gli spettatori presenti che hanno suggerito un nuovo cambio. Quale sarà il titolo definitivo scelto? Lo sapremo solo quando il disco registrato ieri sera uscirà in edicola dall’11 maggio. Io sono curiosissima, voi?
di Marina Capasso

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti