Lo Spiraglio 2021
Home Cultura&Spettacolo Standing ovation per Tommy Emmanuel e Andy McKee al Teatro Acacia

Standing ovation per Tommy Emmanuel e Andy McKee al Teatro Acacia

A pochi mesi dall’uscita del suo nuovo album, “Never too late”, il chitarrista australiano William Thomas Emmanuel, prodigioso interprete del “fingerstyle” moderno ritorna finalmente a Napoli, al Teatro Acacia. Ad aprire la serata è il chitarrista americano Andy McKee, altro virtuoso rappresentante del fingerstyle, che con la sua “Drifting” ha superato 50 milioni di visualizzazioni su Youtube ed è il primo artista arruolato per la CGP Sounds, la casa discografica fondata dallo stesso Emmanuel. Un amore, quello per la chitarra, che comincia quando Tommy ha quattro anni. La sua prima band nata nel 1960, l’ Emmanuel Quartet, è un affare di famiglia: con Tommy alla chitarra ritmica, i fratelli Phil e Chris rispettivamente alla chitarra solista ed alla batteria e la sorella Virginia alla chitarra hawaiana.
Forte è stata l’influenza dei musicisti Chet Atkins e Hank Marvin, come ha più volte dichiarato. Molte le sue collaborazioni negli anni con artisti come Sir George Martin (produttore e guida dei Beatles), Stevie Wonder, Eric Clapton, Michael Bolton, Tina Turner, Cliff Richard, Hank Marvin, Bruce Welch, Joan Armatrading, Robben Ford, John Farnham, i Pooh con i quali ha partecipato al Tour 2001 e infatti durante il concerto napoletano ricorda l’amicizia con Dodi Battaglia e recentemente Bill Wyman, storico bassista dei Rolling Stones con il quale ha effettuato una serie di concerti in Inghilterra. Molti i riconoscimenti ottenuti in campo internazionale, su tutti le due nomination ai Grammy e i due Aria Award assegnatigli dalla Recording Industry Association australiana. Tommy Emmanuel è stato anche insignito della medaglia dell’Order of Australia per il suo impegno nel sociale come sostenitore di “Kids Under Cover”, un’associazione che si occupa di assistenza e istruzione per giovani senza tetto.E oggi, a distanza di oltre quarant’anni di brillante carriera, continua a trasmettere lo stesso travolgente entusiasmo sul palco, quello che lo porta ad esercitarsi anche sedici ore al giorno, ad essere compositore oltre che esecutore di quasi tutti i suoi brani e a tenere concerti in ogni parte del mondo.
Grande emozione ieri al Teatro Acacia di Napoli, Emmanuel ha presentato alcuni brani contenuti nel suo ultimo album, in cui riusciva ad alternare con disinvoltura sonorità country e western, blues, musiche spagnole e jazz. Immancabili suoi grandi successi come “Stevie’s Blues” ed intense interpretazioni di canzoni dei Beatles come “Michelle”, dei Rolling Stones e una commovente versione di “Somewhere over the Rainbow”, scritta da Harold Arlen con testi di E.Y. Harburg e portata al successo da Judy Garland ne Il mago di Oz. Poi ritroviamo Andy McKee sul palco con Tommy Emmanuel in una versione acustica di “Africa” dei Toto, lo stile percussivo di Andy e quello melodico di Tommy trovano il giusto equilibrio e riescono a creare un’atmosfera magica. Il pubblico saluta l’esibizione dei due grandi chitarristi con una standing ovation.
Le prossime date italiane di Tommy Emmanuel e Andy McKee sono il 13 ottobre al Teatro Metropolitan di Catania, il 14 ottobre al Conservatorio di musica di Cagliari, il 15 ottobre al Teatro Openjobmetis di Varese e il 16 ottobre al Planet di Roma. Poi ripartirà per il suo tour mondiale che toccherà oltre ad altre città europee, gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia e Cuba.
di Anna Esposito
Foto di Mario Donatiello

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti