Lo Spiraglio 2021
Home In primo piano Intervista a Francesco Branchetti a teatro con "Un grande grido d’amore"

Intervista a Francesco Branchetti a teatro con "Un grande grido d’amore"

La mia intervista a Francesco Branchetti di nuovo sul palcoscenico con una strepitosa Barbara De Rossi per il nuovo spettacolo teatrale, “Un grande grido d’amore” di Josiane Balansko con la traduzione di Davide Norisco e la regia dello stesso Francesco Branchetti. In scena anche Isabella Giannone e Simone Lambertini, le musiche sono di Pino Cangialosi. Da Milano a Napoli, passando per Torino, Firenze e tantissime altre città, la commedia attraverserà l’Italia in lungo e largo, toccando numerose regioni, con una lunga e impegnativa tournée.
LF: Di cosa si tratta Francesco?
FB: “Si tratta essenzialmente di uno spettacolo che racconta il mondo del teatro, Il mondo degli attori e delle loro fragilità ,delle loro debolezze e delle loro straordinarie caratteristiche positive,la poesia, Il sogno, la passione il nostro è uno spettacolo che racconta la magia della creazione di uno spettacolo teatrale Il tutto in una chiave comica ma anche di grande spessore e profondità.”
LF: Tu e Barbara siete oramai una coppia teatrale consolidata, il segreto del vostro successo?
FB: “Sono molti anni che lavoriamo insieme abbiamo fatto molti spettacoli e devo dire che la nostra collaborazione artistica e umana è stata davvero splendida fino a questo spettacolo e mi auguro possa durare a lungo in tanti altri spettacoli
Ci tengo a sottolineare la presenza in scena accanto a noi di Isabella Giannone e Simone Lambertini attori e collaboratori con cui la collaborazione dura da tantissimi anni e con cui mi onoro di dividere la scena inoltre voglio ricordare le musiche del maestro Pino Cangialosi.
Barbara è un’autrice straordinaria capace di unire alla strabiliante comicità e agli Intrecci clamorosamente divertenti e rocamboleschi una grande capacità di indagare i personaggi con acume psicologico e sempre straordinaria umanità.”
LF: Francesco un’altra tua straordinaria pièce che riconcilia con il teatro, comico ma non solo. Indubbiamente una comicità che nasce dalla costruzione perfetta dei caratteri dei protagonisti e dalla ricostruzione altrettanto impeccabile del mondo di cui fanno parte ma sempre lontana da ogni forma di superficialità e di cliché. Raccontami come è nata questo connubio perfetto tra musiche, scene e costumi…
FB: “La mia regia in questo caso è tutta tesa a raccontare La magia del teatro e la magia della costruzione di uno spettacolo, la magia delle prove, dei primi incontri, delle prime lettura, la magia della costruzione di una scena ,la magia della andata in scena, della prima …il pubblico… gli applausi…. il teatro.
Le musiche da un lato racconteranno l’anima dei personaggi dall’altro racconteranno la magia del teatro ,dei grandi allestimenti e devo dire che in questo il maestro Pino Cangialosi è stato straordinario.”
LF: Come diceva Hugo “Il teatro non è il paese della realtà: ci sono alberi di cartone, palazzi di tela, un cielo di cartapesta, diamanti di vetro, oro di carta stagnola, il rosso sulla guancia, un sole che esce da sotto terra. Ma è il paese del vero: ci sono cuori umani dietro le quinte, cuori umani nella sala, cuori umani sul palco”. Cosa rappresenta per te il teatro, in realtà?
FB: “Il teatro è sempre più importante in questi anni perché il teatro è la memoria della volontà dell’uomo di confrontarsi con se stesso perché è essenziale vivere questo confronto insieme agli altri condividendo dubbi e condividendo paure e incertezze; il teatro è la testimonianza della volontà dell’uomo di essere onesto con se stesso e credo che non ci sia niente di più importante oggi.
I veri nemici del teatro non sono il cinema la televisione ma in realtà il vero nemico del teatro è il teatro fatto male, il teatro fatto con freddo calcolo commerciale, il teatro fatto con obiettivi di puro intrattenimento e niente più ,il teatro fatto con disonestà intellettuale e soprattutto mancanza di passione.”
Grazie Francesco, ci vediamo a teatro!
Info TOUR:
Da Martedì 21 a domenica 26 Gennaio - TEATRO SAN BABILA MILANO
Sabato 8 e Domenica 9 Febbraio -TEATRO CARDINAL MASSAIA TORINO 
Mercoledì 12 Febbraio – GALATONE (LE)
Venerdì  14 Febbraio – LIMBIATE (MI)
Sabato  15 Febbraio – OSOPPO  (UD)
Venerdì 28 Febbraio – MOGLIANO (MC)
Sabato  29 Febbraio e Domenica  1 Marzo -  TEATRO DEL CESTELLO FIRENZE
Venerdì 6 Marzo – MACERATA FELTRIA (PU)
Sabato  7 Marzo – SAN MARCO IN LAMIS (FG)
Domenica  8  Marzo – TEATRO CAESAR SAN VITO ROMANO (RM)
Venerdì  20 Marzo – TEATRO PALAPARTENOPE NAPOLI
Venerdì 26 e Sabato  27 Marzo – OPERA (MI)
Venerdì  3 Aprile – BORGIO VEREZZI (SV)
Sabato  4 Aprile – CICAGNA (GE)
Venerdì  17 Aprile – GORGONZOLA (MI)
Sabato  18 Aprile – SANTENA (TO)
Domenica 10 e Lunedì  11 Maggio – TEATRO DEL LOTO FERRAZZANO (CB)
Sabato  16 Maggio – RONCIGLIONE (VT)

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti