Segnala un evento
HomeEventiGioco, l’ISS spiega come sono cambiate le abitudini degli italiani

Gioco, l’ISS spiega come sono cambiate le abitudini degli italiani

Bloccato durante il lockdown, sia nella parte fisica che in quella a distanza, il gioco d’azzardo è tornato a crescere nel periodo di allentamento delle restrizioni, del ritorno alla normalità. Con dati diversi e che meritano di essere analizzati.

Stando alle rilevazioni dell’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità, ad aumentare è soprattutto il tempo di gioco degli italiani, che impegnano almeno 60 minuti in più a giocare, con una buona fetta di giocatori che sono diventati tali proprio durante il lockdown. Lo conferma lo studio pubblicato lo scorso mese di febbraio e condotto con l’Istituto Mario Negri, l’Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la rete Oncologica (ISPRO), l’Università degli studi di Pavia e l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano sull’abitudine al gioco degli italiani. Un campione di utenti di età compresa tra i 18 e i 74 anni, con interviste mirate, con argomento soprattutto il periodo di lockdown e le abitudini da gioco maturate durante questo periodo. I risultati parlano di un vero e proprio andamento a onda con una percentuale di gioco al 16% fino al 2019, una discesa nel 2020 fino al 9,7% per poi risalire nel 2021 al 18%, superando quindi anche le percentuali pre pandemia.

Le abitudini degli italiani per quanto riguarda il tempo passato sulle piattaforme di onlinesono cambiate di molto: il gioco è aumentato di quasi un’ora, con il 19,7% degli intervistati che ammette di passare più tempo rispetto a prima.

Tra i giochi più cliccati troviamo le slot machine online dei casinò digitali divenute trend topic negli ultimi due anni a causa delle limitazioni del gioco terrestre, ma anche le scommesse sportive, i gratta e vinci, oppure i videogiochi gratuiti, specie se raggiungibili da mobile o da app, come CandyCrush, Brawl Stars, Clash Royale, Fortnite. “Con l’allentamento delle restrizioni – ha spiegato Roberta Pacifici, direttrice del Centro nazionale Dipendenze e Doping – si è assistito ad un nuovo incremento della popolazione che pratica gioco d’azzardo, fino a superare, nel caso dei giocatori d’azzardo on line, la percentuale precedente la pandemia. La forte relazione trovata tra situazioni di disagio emotivo e comportamenti di dipendenza richiede politiche urgenti per impedire che le popolazioni vulnerabili aumentino e sviluppino una grave dipendenza dal gioco”.

Occorre quindi monitorare la situazione, per far sì che il comparto del gioco legale e pubblico possa riprendere il suo ritmo abituale senza però perdere di vista il pre requisito fondamentale: il benessere e la salvaguardia dei suoi giocatori. Perché senza tutela e protezione dell’utente non può esserci in alcun modo crescita del settore.

 

foto: pixabay

SCRIVI UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome

- Advertisment -
Studio fotografico

più popolari

Commenti recenti